Sindrome di Kawasaki e Covid-19, Sip avvia raccolta dati

La Società italiana di pediatria (Sip) ha deciso di allertare i pediatri sulla possibile insorgenza di una malattia di Kawasaki in bambini affetti da Covid-19
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il gruppo di studio di Reumatologia della Società italiana di pediatria (Sip) ha deciso di allertare la comunità pediatrica sulla possibile insorgenza di una malattia di Kawasaki in bambini affetti da Covid-19 e di promuovere una raccolta dati di questi casi con l’obiettivo di caratterizzarne le manifestazioni cliniche, le terapie eseguite e l’evoluzione, nonché di indagare il possibile ruolo causale del virus SARS-COV-2.

LEGGI ANCHE: Malattia di Kawasaki, cos’è e quali sono i sintomi: colpiti ogni anno 14 bimbi ogni 100.000

“MOLTI BAMBINI CON QUESTA MALATTIA HANNO AVUTO TAMPONE POSITIVO AL COVID”

“Nelle ultime settimane è stato osservato, in particolar modo nelle zone del Paese più colpite dall’epidemia da SARS-COV-2, un aumento della frequenza di bambini affetti da malattia di Kawasaki. In una percentuale non trascurabile di casi la malattia si è presentata con un quadro clinico incompleto o atipico– spiega Angelo Ravelli, segretario del gruppo di studio di Reumatologia della Sip, in una lettera inviata agli 11.000 pediatri Sip- e ha manifestato resistenza al trattamento con immunoglobuline endovena e tendenza all’evoluzione verso una sindrome da attivazione macrofagica, che ha richiesto trattamenti aggressivi e, non di rado, il ricovero in terapia intensiva. Una quota significativa di questi bambini con malattia di Kawasaki ha presentato, in occasione del ricovero o nelle settimane precedenti all’esordio, un tampone positivo per il virus SARS-COV-2 o ha avuto contatti con pazienti affetti. Alcuni sono risultati positivi alla sierologia per il Coronavirus, nonostante i tamponi fossero negativi”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, Villani (Sip): “Per i bambini sarà impensabile giocare in gruppo”

“NON SEMBRA CASUALE”

Secondo l’esperto “non è chiaro se il virus SARS-COV-2 sia direttamente coinvolto nello sviluppo di questi casi di malattia di Kawasaki o se le forme che si stanno osservando rappresentino una patologia sistemica con caratteristiche simili a quelle della malattia di Kawasaki- continua lo studioso- ma secondaria all’infezione. Ciò nonostante, l’elevata incidenza di queste forme in zone ad alta endemia di infezione da SARS-COV2 e l’associazione con la positività dei tamponi o della sierologia, suggerisce che l’associazione non sia casuale“.

PARTE “SORVEGLIANZA ATTIVA”

Queste segnalazioni rendono, quindi, “opportuna un’attiva sorveglianza nei confronti di queste forme, al fine del loro pronto riconoscimento e del tempestivo trattamento. Per lo stesso motivo, è ragionevole ritenere che in qualunque bambino che si presenti in questo periodo con un quadro di malattia da Kawasaki debba essere esclusa con particolare attenzione un’infezione da virus SARS-COV-2″, conclude Ravelli.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Crisanti: “Per la fase 2 mascherine non bastano. Bambini a scuola? Non sono loro il problema”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»