VIDEO | La piazza ai tempi del Covid, FdI tra tricolori che volano e mascherine di troppo

Fratelli d'Italia scende in piazza contro il governo: distanziamento sociale e qualche gaffe
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Duro mestiere quello di organizzare la piazza al tempo del coronavirus. Merito a Fratelli d’Italia, che ci ha provato portando in Italia il modello israeliano. Si puo’ manifestare, cioe’, anche rispettando le distanze e con la mascherina. Ma quanta fatica a organizzare le truppe…

Ne sanno qualcosa Giorgia Meloni e i suoi luogotenenti, Fabio Rampelli e Giovanni Donzelli, i registi del flash mob messo in scena ieri da Fdi davanti a Palazzo Chigi. Il quadro complessivo restituisce l’immagine di piazza Colonna occupata dai 53 parlamentari, schierati su 6 file. Alcuni con il tricolore, altri coi cartelli su cui compaiono le categorie costrette a rimanere chiuse nella fase due. “Noi diamo voce al silenzio degli innocenti“, dice Meloni con citazione cinematografica.

Non meno attrattiva per fotografi e videomaker e’ la senatrice Daniela Santanche’, vestita per l’occasione in tuta arancio e lilla. Al vicepresidente della Camera Rampelli il compito di mediare con le forze di polizia, arte diplomatica appresa in lunghi anni di manifestazioni.

Dagli agenti arriva la richiesta pressante di mantenere le distanze. I parlamentari di Fdi non se lo fanno ripetere. E non solo le distanze: per tutti anche la mascherina tricolore. Anzi, il vicepresidente del senato Ignazio La Russa vorrebbe indossarne ben due di mascherine, quella di ordinanza e sotto quella bianca ffp2. Peccato che il vento, e gli occhiali caduti sul piu’ bello, lo facciano desistere. Convinto anche dagli inviti pressanti dei colleghi: “Ignazio e mettine una…”. Vada per quella tricolore.

Dispiegate le truppe, a Giorgia Meloni l’onore di guidare le danze, con i parlamentari invitati a volgere le spalle a Palazzo Chigi per consentire foto e riprese scenografiche. Ma sorge un altro piccolo contrattempo: a parti invertite, bisogna invertire anche i colori del tricolore. Altrimenti la bandiera nazionale viene sbagliata. Ecco allora Donzelli e Rampelli raccogliere tutti i cartelli rossi e tutti i cartelli verdi per portarli ai colleghi fermi sul posto.

“Fermi come siete”, dice infine la presidente ai suoi. E mentre varca la piazza e pronuncia le fatidiche parole, il tricolore di Daniela Santanche’ prende letteralmente il volo, lasciando la senatrice a sventolare la sola asta. Risate (e qualche battuta di troppo) ma poco male: il vessillo e’ subito recuperato e montato in cima al pennone. Pronti per la foto ricordo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»