Al Concertone del Primo maggio ci sarà anche Patti Smith

Tanti i cantanti che si esibiranno dal vivo, tra loro Gianna Nannini, Vasco Rossi e Zucchero
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Concertone del Primo Maggio per una volta cambia faccia e si trasforma in evento tv. Come si legge in una nota, “in seguito al protrarsi dell’emergenza COVID-19, l’appuntamento del Concerto del Primo Maggio di Roma cambia totalmente il suo format mantenendo pero’ intatta la volonta’ di trattare i temi fondamentali del lavoro che, quest’anno piu’ di sempre, riguardano la vita e il futuro di milioni di italiani. ‘Il lavoro in Sicurezza: per Costruire il Futuro‘: e’ questo il titolo che CGIL, CISL e UIL hanno scelto per il Primo Maggio 2020. Sara’ un grande evento collettivo che andra’ in onda in prima serata venerdi’ 1 maggio su Rai Tre, un ponte tra Roma (la storica citta’ del Concertone) e il resto della penisola, unita nell’emergenza sanitaria e ancora in lockdown”. L’evento, promosso come sempre da CGIL, CISL e UIL, “sara’ una produzione TV di Rai Tre, con contributi musicali selezionati, prodotti e realizzati per l’occasione da iCompany con la direzione artistica di Massimo Bonelli”. Primo Maggio 2020 “sara’ trasmesso in diretta dagli studi Rai di via Teulada a Roma e sara’ ricco di ospiti, collegamenti, set musicali e contributi speciali, grazie ad una regia che si propone di rendere la consueta ricchezza musicale e narrativa dell’evento”. 

GLI ARTISTI CHE SI ESIBIRANNO 

Tanti gli artisti che con le loro voci e le loro performance live si alterneranno per realizzare in televisione un grande evento collettivo. Durante la serata daranno il loro contributo Gianna Nannini, Vasco Rossi, Zucchero oltre a Aiello, Alex Britti, Bugo e Nicola Savino, Cristiano Godano Dei Marlene Kuntz, Dardust, Edoardo e Eugenio Bennato, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Fasma, Francesca Michielin, Francesco Gabbani, Fulminacci, Irene Grandi, Le Vibrazioni, Leo Gassmann, Lo Stato Sociale, Margherita Vicario, Niccolo’ Fabi, Noemi, Orchestra Accademia Di Santa Cecilia, Paola Turci, Rocco Papaleo e Tosca. Ospite internazionale la poetessa del rock Patti Smith.

Nel corso del programma – che sara’ condotto da Ambra Angiolini dal Teatro delle Vittorie – si parlera’ anche del lavoro del futuro, della necessita’ di ripartire salvaguardando come bene primario la salute, la sicurezza di tutti i cittadini e di tutti i lavoratori. Ma ci sara’ anche spazio per tanta musica, come da tradizione, con artisti italiani che si sono messi a disposizione per l’occasione eccezionale e i cui contributi sono stati realizzati da iCompany con la direzione artistica di Massimo Bonelli.

Per salvaguardare la qualita’ della musica dal vivo, nel rispetto delle norme dell’emergenza, “i live saranno realizzati principalmente all’Auditorium Parco della Musica di Roma (dove sara’ installato l’Auditorium Stage Primo Maggio 2020) o in altre location speciali sparse per l’Italia e proposte direttamente dagli artisti. Il Primo Maggio 2020 in TV sottolineera’ l’importanza crescente in questo momento storico di temi come lavoro, unita’, partecipazione, futuro e servizio pubblico, acquisendo in queste speciali circostanze un significato ancora piu’ simbolico e profondo. Un messaggio non prigioniero dell’attualita’, bensi’ volto a disegnare i tratti del futuro prossimo con fiducia e consapevolezza, in cui e’ il lavoro che ricostruisce il Paese”. Inoltre, “agli artisti che si esibiranno al Primo Maggio 2020 e che verranno annunciati nei prossimi giorni, si uniranno anche i tre vincitori del contest per nuovi artisti ‘PRIMO MAGGIO NEXT’ che saranno selezionati il 18 e 19 aprile (a partire dalle ore 15) attraverso una diretta streaming sul portale next.primomaggio.net, in cui saranno chiamati a reinterpretare il brano in gara da casa propria, in maniera alternativa e compatibile con i mezzi a disposizione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»