Omicidio Serena Mollicone, il padre: “Spariti organi, l’hanno violentata?”

La disperazione di papà Guglielmo dopo la riesumazione del cadavere: una parte degli organi genitali sono stati asportati: "L'hanno uccisa di nuovo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA . Come se l’avessero uccisa di nuovo. Ad affermarlo Guglielmo Mollicone, il padre di Serena, la 18enne di Arce, in provincia di Frosinone, scomparsa 18 anni fa e ritrovata dopo un paio di giorni senza vita in un boschetto a una decina di chilometri da casa. È notizia di queste ore che dal corpo della giovane mancano gli organi genitali.

“Purtroppo- ha scritto l’anatomopatologa Cristina Cattaneo, che ha effettuato la superperizia sul corpo di Serena, parole riportate dal sito di ‘Chi l’ha visto?’- gran parte dei genitali e dell’ano è stata prelevata all’autopsia ma mai rinvenuta per ulteriori indagini“. Per il papà “l’hanno uccisa di nuovo. Lo sapevano i miei avvocati, ma non me l’hanno detto subito. Vogliamo risposte da chi ha fatto l’autopsia prima della Cattaneo“.

LEGGI ANCHE: Omicidio Serena Mollicone: “Chi ha ucciso mia figlia paghi”

Evidentemente, spiega ancora Guglielmo all’agenzia Dire, “non si aspettavano che avremmo riesumato il suo corpo e che lo avremmo fatto trasportare a Milano per la perizia”. Dietro questa sparizione, per papà Guglielmo potrebbe esserci “il non voler far ritrovare il dna di chi le ha fatto del male. E allora l’hanno anche violentata? Ho dato mandato ai miei legali per andare a fondo in questa vicenda”. La Procura di Cassino ha inviato l’avviso di chiusura di inchiesta per cinque indagati.

Si tratta dell’intera famiglia di Franco Mottola, ex comandante della stazione dei Carabinieri di Arce, quindi anche la moglie Annamaria e il figlio Marco. E poi del sottufficiale dei Carabinieri Vincenzo Quatrale e del carabiniere Francesco Suprano. Si va dall’accusa di omicidio aggravato e occultamento di cadavere, a concorso in omicidio fino al favoreggiamento.

LEGGI ANCHE: “Peggio del caso Cucchi”: omicidio Serena Mollicone, indagati tre carabinieri. Parla papà Guglielmo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»