“Cerchiamo il dna di Leonardo”: a Vinci arriva la ciocca di capelli del genio

La ciocca, che arriva da oltreoceano ed era custodita "nel segreto di una collezione americana", sarà esposta giovedì
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Da una ciocca di capelli al DNA del genio per eccellenza, Leonardo Da Vinci. E’ l’obiettivo che si sono prefigurati Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale Leonardo Da Vinci, e la storica Agnese Sabato, presidente della Leonardo Da Vinci Heritage.

“Abbiamo recuperato oltreoceano una ciocca di capelli che è stata storicamente denominata ‘Les Cheveux de Leonardo da Vinci’. Questa reliquia permetterà di procedere nella ricerca del suo DNA”, annunciano i curatori della mostra “Leonardo vive” e che nel 2016 hanno reso nota l’esistenza dei discendenti viventi di Leonardo. La ricerca verrà illustrata giovedì prossimo (alle 11), alla biblioteca Leonardiana di Vinci. Sempre giovedì sarà esposta la ciocca.

LEGGI ANCHE: Leonardo da Vinci, Schmidt stronca la ciocca: “Non ci crede nessuno”

“Il reperto storico della ciocca di capelli- spiega Vezzosi-, che fino a questo momento era rimasto nel segreto di una collezione americana, verrà esposto in anteprima mondiale, insieme a documenti che ne dimostrano l’antica provenienza francese”.

Si tratta “dell’elemento che mancava per dare ulteriore concretezza scientifica alle nostre ricerche storiche”, aggiunge Sabato. “Grazie alle analisi genetiche su questo reperto, che saranno incrociate con gli esami sul DNA dei discendenti viventi e delle sepolture che abbiamo individuato negli ultimi anni, è ora possibile fare verifiche per la ricerca del DNA del genio, anche in rapporto alla tomba di Leonardo ad Amboise”, aggiunge.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»