Riconoscimento bimba a due papà, Meloni: “Così si apre vaso di Pandora”

Giorgia Meloni attacca la scelta del Comune di Roma di riconoscere la figlia canadese di due padri gay
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Con il riconoscimento della ‘figlia di due padri’ da parte del Comune di Roma si apre un vaso di Pandora. Se, infatti, l’argomento utilizzato è che, in base al diritto internazionale, l’Italia è tenuta a riconoscere lo stato civile di un nucleo familiare riconosciuto all’estero, allora segnalo sommessamente che si va verso il riconoscimento anche della poligamia o dei matrimoni con bambine di 9 anni, diffusi oggi in molte nazioni del mondo. Certo, resiste la fragile norma secondo la quale queste unioni non devono essere ‘contrarie all’ordine pubblico’. Ma per quanto ancora? Perché se va bene la barbarie di strappare i figli al grembo materno pagando, andrà bene anche quella di avere tre mogli sottomesse o minori. Noi non ci rassegneremo mai a questa deriva nichilista che ci riporta indietro di centinaia di anni di conquiste di civiltà”. È quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Leggi anche:

A Roma un asilo ‘stoppa’ festa di mamma e papà. Monta la polemica

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»