Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo, Orlando: “Sì al dialogo con M5s, ma Di Maio non sia premier”

"Sono per il dialogo. Senza nessuna subalternità e senza chiedere né fare abiure", dice il dem Orlando
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io sono per il dialogo. Senza nessuna subalternità e senza chiedere né fare abiure, dovremo valutare nel merito se ci siano le condizioni per il governo. Non a qualsiasi costo e non facendomi grandi illusioni. Se, come credo possibile, dovesse esserci un esito negativo del confronto, aver fatto una verifica empirica può chiarire le responsabilità in caso di ricorso al voto”. Così Andrea Orlando sul confronto tra Pd e M5s, in una intervista al Corriere della sera.

Condivide la pregiudiziale su Di Maio? “A me sembra difficile pensare che Di Maio possa essere il punto di equilibrio di due forze in così forte contrapposizione. Non lo dico con ragionamento partigiano, vale al contrario anche per l’elettorato grillino”, risponde.

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»