Ong, Gentiloni: “Pm indaghino, ma volontari salvano vite”. Alfano con Zuccaro, Renzi: “Di Maio e Salvini lucrano voti”

Renzi attacca M5s e Lega: "Noi vogliamo fermare scafisti, loro sparano nel mucchio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se ci sono da parte della magistratura delle informazioni attendibili e credibili non sara’ certo il governo a contrastarle, ma distinguiamo questo dal fatto che per noi l’attivita’ delle organizzazioni di volontariato e’ preziosa e benvenuta”. Cosi’ il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, arrivando a Bruxelles al vertice Ue. “L’attivita’ delle Ong e’ preziosa e benvenuta, la magistratura indaghera’”. Detto questo i volontari che salvano vite umane “sono benvenuti”.

ALFANO: IO STO CON ZUCCARO, IPOCRITA CHI SI INDIGNA

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha preso le difese del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro che ha accusato alcune ong di collusioni coi trafficanti di migranti. “Io do il cento per cento di ragione al procuratore Zuccaro perchè ha posto una questione vera. Sono degli ipocriti e dei sepolcri imbiancati tutti quelli che si indignano a comando”, ha detto Alfano, ripreso da Rainews, a margine di una visita al cantiere del G7 a Taormina.

RENZI: PD VUOLE FERMARE SCAFISTI, DI MAIO-SALVINI LUCRARE VOTI

“La differenza tra noi e loro e’ che noi vogliamo bloccare gli scafisti, loro vogliono lucrare qualche voto“. Lo dice Matteo Renzi nel corso della diretta su Facebook di ‘Matteo risponde’, riferendosi alla polemica sulle Ong. E’ in corso “uno scontro ideologico” e “su questo profilo Di Maio e Salvini sono esattamente identici”.

“Noi- spiega Renzi- siamo dalla parte di chi costantemente lavora per la legalita’. Solidarieta’ sempre ai giudici, anche al Procuratore di Catania e nessuno si permetta di strumentalizzare la difesa ai giudici”. Secondo l’ex premier “un politico serio ha il compito di risolvere il problema, non di alimentare la paura. Non si spara nel mucchio per prendere i voti. Loro vogliono prendere voti, noi fermare gli scafisti”. Poi “se qualcuno ha commesso reati va punito”. Sul tema interviene anche il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, che partecipa alla diretta Facebook: “E’ tipico dei populisti, cavalcare i problemi e piu’ sono gravi, piu’ pensano di prendere voti”, attacca.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»