Getty Images è battaglia con Google sul diritto d’autore

Dall'agenzia fotografica ricorso all'Antitrust europeo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

getty imagesROMA – Getty Images sostiene che Google abbia violato il copyright. Questo in sintesi l’oggetto della battaglia legale che vede contrapposti una delle più grandi agenzie fotografiche del mondo e Big G. L’agenzia fotografica americana ha depositato, presso la Commissione Europea, un ricorso contro il motore di ricerca creato da Larry Page e Sergey Brin.

Secondo Getty Images, nel 2013, Google ha cambiato i termini di servizio del contratto che prevedeva nei risultati di ricerca l’apparizione solo di immagini in bassa risoluzione di proprietà dell’agenzia fotografica. Dopo il cambiamento, invece, le immagini segnalate da Big G in allegato alle ricerche hanno preso ad uscire in alta definizione e senza alcuna protezione, cioè agli utenti è stata data la possibilità di scaricare e riutilizzare gratis le immagini.

Getty Images, vista danneggiata la sua attività, ha chiesto spiegazioni a Google, in virtù del fatto che l’agenzia trae guadagno proprio dalle immagini in alta definizione. Secondo il motore di ricerca l’unica soluzione per l’azienda fotografica era quella di abbandonare l’accordo del 2013 e uscire dai risultati di ricerca del colosso. Questo però, visto il numero di utenti che utilizza Google, avrebbe quasi voluto dire la ‘sparizione’ delle foto dalla rete. Non vedendo cenni di cambiamento e chiarimenti da parte di Google, Getty ha, infine, deciso di passare al contro attacco rivolgendosi all’Antitrust dell’Unione Europea.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»