Tg Politico Parlamentare, edizione del 29 marzo 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, PER 13 REGIONI E’ IN ARRIVO IL PICCO

Preoccupa la pressione sugli ospedali italiani chiamati a fronteggiare il picco della terza ondata di coronavirus. Secondo l’ultimo monitoraggio settimanale della cabina di regia, a livello nazionale l’occupazione dei posti di terapia intensiva ha raggiunto il 40%, dieci punti in più di quel 30% indicato dal ministero della Salute come soglia massima. Non va meglio a livello locale, con 13 regioni che hanno superato questo limite. Il commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo prova a rassicurare: “In Italia arriveranno 3 milioni di dosi di vaccino entro fine mese”, dice. Mentre il capo della Protezione civile Curcio avverte: “Siamo in guerra”. Intanto, continua il confronto tra governo e regioni. Con palazzo Chigi che stoppa il governatore campano De Luca, pronto ad acquistare autonomamente dosi di Sputnik. Non se ne parla, dice il governo, dell’approviggionamento continuerà a occuparsense lo Stato centrale.

FESTIVITÀ IN ROSSO E VACANZE ALL’ESTERO, E’ POLEMICA

L’Italia si avvicina alle feste di Pasqua con molte limitazioni e i ristoranti chiusi. Sarà possibile andare a fare visita ai parenti e anche raggiungere le seconde case in alte regioni. Bisognerà però fare attenzione alle ordinanze locali che si sovrappongono a quelle nazionali. Intanto, il Viminale chiarisce che è permesso spostarsi, anche tra regioni, per raggiungere l’aeroporto per recarsi in vacanza nei Paesi in cui è possibile arrivare. Ma non tutte le mete sono consentite: dipende dalle restrizioni applicate dai singoli Paesi. Critica Federalberghi: “Non comprendiamo come sia possibile autorizzare i viaggi oltre confine e invece impedire quelli in Italia”.

TAVOLE VUOTE A PASQUA, COLDIRETTI IN CAMPO CON AIUTI

Mai così tanti italiani in difficoltà a Pasqua per colpa dell’emergenza Covid, che ha fatto salire a 5,6 milioni le persone in povertà assoluta nel nostro Paese. Sono un milione in più rispetto allo scorso anno, mai così tante dall’inizio del terzo millennio. Da qui l’iniziativa promossa da Coldiretti, Filiera Italia e Campagna Amica che prevede la distribuzione a circa ventimila famiglie povere di un pacco da 50 kg di prodotti italiani per riempire la tavola di Pasqua. Pasta, riso, Parmigiano Reggiano e Grana Padano, biscotti, sughi, dolci e colombe pasquali, olio extra vergine di oliva, legumi, formaggi e tanto altro. L’operazione è stata presentata oggi a palazzo Chigi, alla presenza di Mario Draghi. Proprio dal cortile della sede del governo è partita la spedizione del primo carico di aiuti alimentari.

MAGISTRATI: LASCIATI SENZA VACCINI IN PIENA PANDEMIA

Negi uffici giudiziari si continua a lavorare a pieno ritmo, con l’aggravante delle varianti Covid, ma ai magistrati non vengono somministrati i vaccini. L’Anm, il sindacato delle toghe, solleva il problema del lavoro in presenza nei tribunali. L’associazione dei magistrati sottolinea che nel nuovo piano vaccinale, il governo non considera piu’ tra le categorie prioritarie i lavoratori del comparto giustizia. La ministra Cartabia replica che nel nuovo decreto Covid ci sarà anche la proroga dello stato di emergenza per gli uffici giudiziari fino al 31 luglio. La proroga permetterà la sospensione dei procedimenti non urgenti in modo da non affollare le aule dei tribunali. Insomma, il governo ribadisce la scelta di procedere sui vaccini con il principio delle classi di età ma assicura al comparto giustizia norme per salvaguardare la salute.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»