Cercasi volontari per il vaccino italiano ReiThera: l’Emilia-Romagna chiama

vaccino
Per partecipare alla sperimentazione bisogna essere maggiorenni, in buona salute o con una patologia cronica pregressa stabile. Non può iscriversi chi ha già contratto il Covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Servono volontari per la fase di sperimentazione del vaccino italiano anti-Covid, ReiThera. È l’Emilia-Romagna, che ospita tre dei 26 centri coinvolti a livello nazionale nella ricerca (le Aziende ospedaliero-universitarie di Parma e Ferrara e l’Azienda Usl di Piacenza), a lanciare l’appello. Dopo la conclusione della fase 1, le tre Aziende emiliano-romagnole parteciperanno alla successiva con l’obiettivo di valutare la sicurezza e l’efficacia del prodotto. Lo studio sarà condotto a Parma dall’infettivologo Gabriele Missale (unità operativa Malattie Infettive ed Epatologia dell’ospedale Maggiore), a Ferrara da Marco Libanore (direttore dell’unità operativa di Malattie Infettive dell’azienda ospedaliero-universitaria) e a Piacenza da Mauro Codeluppi (direttore dell’unità operativa complessa di Malattie Infettive dell’azienda Usl). “Anche in questa sperimentazione l’Emilia-Romagna è in prima fila”, commenta l’assessore regionale Raffaele Donini. “Il fatto che tre centri della nostra regione, e tre nostri valenti professionisti, siano stati individuati e coinvolti ci riempie di orgoglio. Allo stesso tempo- prosegue l’assessore- questa nuova opzione di prevenzione contro il Covid, per di più tutta italiana, è un’ulteriore speranza di chiudere i conti definitivamente con questo virus, il più presto possibile. Nel frattempo, continuiamo ad impegnarci al massimo per procedere con i vaccini di cui già disponiamo”.

Alla sperimentazione, informa la Regione, possono partecipare volontari, in buona salute o con una patologia cronica pregressa stabile, maschi e femmine, di età maggiore di 18 anni. Ognuna delle tre aziende “arruolerà” tra i 30 e i 40 pazienti. Non possono invece partecipare persone che hanno contratto un’infezione da Sars-Cov-2 confermata da test molecolare, individui affetti da malattie gravi, donne in stato di gravidanza o in allattamento, persone che hanno donato più di 450 ml di sangue nei tre mesi precedenti e chi ha ricevuto un qualunque altro vaccino, ad eccezione di quello influenzale, nei 30 giorni precedenti.

Nella fase 2 la sperimentazione è divisa in tre “bracci ciechi”: questo significa che i volontari non sanno cosa verrà loro somministrato. A un terzo di loro sarà inoculato il vaccino in due dosi (come avviene con Pfizer), a un altro terzo il vaccino in un’unica somministrazione (più una dose placebo per la seconda somministrazione) e a un terzo ancora solo il placebo.

LEGGI ANCHE: Domenica a Bologna gite, grigliate e basket: 105 multe dai Carabinieri

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»