Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Minori, Ascari (M5s): “Dopo Pasqua parte la Commissione sugli affidi illeciti”

La deputata: "Obiettivo della Commissione sarà conoscere i numeri del fenomeno, ma soprattutto quale metodo viene utilizzato quando si interloquisce con un bambino". Si farà luce anche sull'uso, da parte delle Ctu, della inesistente Pas
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Commissione parlamentare d’inchiesta sugli affidi illeciti è ai nastri di partenza, “è questione di giorni, al massimo settimane. Dopo Pasqua partirà”. Lo spiega all’Agenzia DIRE la deputata Stefania Ascari (M5S), prima firmataria a Montecitorio di una proposta di legge per l’istituzione di una Commissione d’inchiesta sul tema degli affidi illeciti dei minori.

“Il mio gruppo parlamentare mi ha chiesto di farne parte”, conferma la deputata, molto sensibile al tema. “La mia proposta- ricorda- fu abbinata a quella del Senato che chiedeva allo stesso modo di istituire una Commissione d’inchiesta. Lo chiedo tutti i santi giorni ma ormai ci siamo, abbiamo tutto, e dopo Pasqua dovremmo partire ufficialmente. Il primo step importante l’abbiamo fatto, sono state decise le persone. Ora verrà scelto presidente, vicepresidente”. La Commissione d’inchiesta fatica da tempo a vedere la luce. Approvata nel luglio 2020, da allora ancora nulla di fatto nonostante le richieste bipartisan di sbloccare lo stallo. “C’è stato caos politico, il governo è caduto, ci siamo trovati di fronte l’emergenza covid e bisognava risolvere questioni burocratiche”, spiega Ascari.

“Obiettivo della Commissione- rilancia la deputata- sarà conoscere i numeri del fenomeno, ma soprattutto quale metodo viene utilizzato quando si interloquisce con un bambino. Viene usato un metodo scientifico? Quale domande vengono fatte al minore?”. Il tema è caldo anche alla luce della recente sentenza della Cassazione: la sindrome di alienazione genitoriale (PAS) è ritenuta incostituzionale. “La PAS non esiste– ribadisce Ascari- eppure ancora oggi le CTU si permettono di parlare di alienazione parentale, ora magari gli cambieranno nome. Sono situazioni gravissime su cui la Commissione deve fare luce. Vogliamo analizzare il fenomeno a 360 gradi, capire dove sono i bambini, come stanno, quali programmi vengono organizzati per loro e per la loro famiglia, quali sono i metodi di ascolto: una cosa è fare 200 domande in un minuto al bambino, un’altra è accettare la sua sensibilità ad aprirsi”. Il tema, termina la deputata, “non ha colore politico. Qui si tratta di fare le cose per bene, non di mettere bandierine”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»