Tirate fuori dal carcere Fabrizio Corona, non fatene un martire

Fabrizio_Corona
La sua condizione psichiatrica è incompatibile con il carcere: secondo i medici è a rischio suicidio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fabrizio Corona non può stare in galera. È un paziente psichiatrico certificato, e la sua patologia è incompatibile con il regime carcerario. O la magistratura denuncia per falso i medici che hanno accertato la malattia o va tirato fuori dalla cella in cui si trova. Questo al di là di qualsiasi sciopero della fame o della sete, di qualsiasi folle gesto di cui è stato ultimamente protagonista Corona. È una questione che va oltre tutti i dibattiti che si possono fare sul fatto che abbia avuto una condanna di oltre 13 anni, che ne abbia trascorsi circa la metà dietro le sbarre (e certo il carcere non ha avuto per lui una funzione rieducativa), e che adesso la fine della pena dice 2024… I giudici hanno tutti i pezzi di carta che servono per agire secondo giustizia. Prima che una persona instabile come lui magari faccia davvero una pazzia: che sia a rischio suicidio lo dicono sempre i medici, non solo una madre disperata. Cari magistrati, quello che sarebbe davvero inaccettabile è un Fabrizio Corona martire…

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»