Papa Francesco all’Angelus prega per i detenuti: “Evitare tragedie”

"Chiedo alle autorità di essere sensibili a questo grave problema e di prendere le misure necessarie per evitare tragedie future"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Papa Francesco, al termine dell’Angelus, ha rivolto un pensiero particolare ai carcerati.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: “La tempesta smaschera la nostra vulnerabilità, nessuno si salva da solo”

“In questo momento il mio pensiero va, in modo speciale, a tutte le persone che patiscono la vulnerabilità di essere costretti a vivere in gruppo, case di riposo, caserme. In modo speciale vorrei menzionare le persone nelle carceri. Ho letto un appunto ufficiale del commissario per i diritti umani che parla del problema delle carceri sovraffollate che potrebbero diventare una tragedia. Chiedo alle autorità di essere sensibili a questo grave problema e di prendere le misure necessarie per evitare tragedie future”. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la psicologa: “Ansia tra i detenuti, carceri non attrezzate”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»