Rifiuti, Evi (M5s): “Dal parlamento Ue stop alla plastica monouso”

Strasburgo - "Siamo molto soddisfatti di questo voto perche' finalmente l'Europa mette al bando a partire dal 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Strasburgo – “Siamo molto soddisfatti di questo voto perche’ finalmente l’Europa mette al bando a partire dal 2021 una serie di prodotti monouso”. Cosi’ Eleonora Evi, eurodeputata del Movimento Cinque Stelle, a margine del voto in plenaria sulla restrizione dell’utilizzo della plastica monouso. La direttiva votata al Parlamento europeo, che entrera’ in vigore dal 2021, riguarda alcuni oggetti fatti di plastica monouso che saranno banditi nell’Ue.

Tra questi verranno vietate posate di plastica, piatti, cannucce, bastoncini di cotone/plastica per utilizzo personale, bastoncini di plastica per palloncini, contenitori, contenitori per alimenti e coppe in polistirolo. Oltre a questo sono anche previsti incentivi al settore industriale per lo sviluppo di alternative meno inquinanti. Entro il 2025 gli Stati membri dovranno raccogliere il 90 per cento delle bottiglie di plastica monouso per bevande introducendo sistemi di cauzione-deposito.

Gli Stati membri dovranno anche sensibilizzare i consumatori rispetto all’incidenza negativa della dispersione nell’ambiente dei prodotti. “L’Italia recepira’ la direttiva nei tempi e nei modi giusti rafforzandola dove e’ possibile” sottolinea Evi, aggiungendo: “Oggi dobbiamo parlare di piu’ di prevenzione, di riduzione e anche di riciclo”.





:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»