Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Malta, in manette cinque migranti per il dirottamento del mercantile

Ora gli arrestati incorreranno in un procedimento giudiziario, mentre donne e minori sono stati trasportati in centri di accoglienza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le autorità di Malta hanno arrestato cinque persone sospettate di essere responsabili del dirottamento di un mercantile, El-Hiblu 1, che aveva salvato circa cento migranti alla deriva nel Mediterraneo. La El-Hiblu 1, una volta prese a bordo le persone – tutte disarmate – ha fatto rotta verso la Libia per riportare indietro i naufraghi. Preoccupati, alcuni migranti hanno quindi assunto il controllo dell’imbarcazione e puntato verso il porto europeo più vicino, quello di La Valletta.

Leggi anche: Migranti, in corso a Malta lo sbarco del mercantile dirottato

Le autorità nella prima mattinata di ieri hanno tuttavia proceduto ad abbordare il mercantile e provveduto a prendere in carico i migranti a bordo. Ora gli arrestati incorreranno in un procedimento giudiziario, mentre donne e minori sono stati trasportati in centri di accoglienza. 

Da tempo i difensori dei diritti umani avvertono che la Libia non è un Paese sicuro per chi decide di emigrare, denunciando che nei centri di detenzione – legali o illegali – si perpetrano violenze, con minacce, torture, violenze sessuali, anche su donne e minori. Non verrebbero inoltre garantiti i bisogni di base quali cibo, servizi ingienico-sanitari e assistenza medica, come attestano diversi report delle Nazioni Unite o inchieste giornalistiche. 

A oggi però i Paesi europei risultano profondamente divisi sulla politica da adottare sulla questione migratoria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»