hamburger menu

Legittima difesa, Di Maio: “No a libera circolazione. Nessuno di noi voterà proposta Lega”

La Lega ha presentato una proposta di legge per facilitare l'acquisto delle armi. Di Maio su facebook: "Abbiamo fin troppi problemi da risolvere in questo Paese, non aggiungiamone altri"

Pubblicato:29-03-2019 09:48
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 14:17
Canale: Canali
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Mettiamo un attimo i puntini sulle i: io un Paese con la libera circolazione delle armi non lo voglio. Non lo vuole il MoVimento 5 Stelle e sono sicuro non lo vogliano nemmeno gli italiani”. Così su facebook il vicepremier Luigi Di Maio risponde all’idea della proposta leghista per facilitare l’acquisto di armi.

LEGGI ANCHE:

La legittima difesa è legge, ok definitivo Senato. Le preoccupazioni dell’Anm: “Tutti saranno meno garantiti”

Legittima difesa, ecco la riforma della legge targata Lega – SCHEDA

“Se mai un giorno avrò la fortuna di avere un figlio- aggiunge- voglio che vada a scuola sereno e tranquillo, che da adolescente passi il tempo a studiare e a viversi la vita, non che trovi il modo di comprarsi facilmente una pistola. Abbiamo fin troppi problemi da risolvere in questo Paese, non aggiungiamone altri“.

Ancora, “pensiamo alle imprese e a creare nuovi posti di lavoro, piuttosto. L’Italia ha bisogno di questo, di più opportunità per i giovani, di più facilitazioni per chi vuole fare figli, di più sostegno alle famiglie, non di più armi”.

Di Maio ha poi ricordato che “c’è una proposta di legge firmata da 70 deputati in Parlamento che punta a facilitare l’acquisto di armi per la difesa personale. Nessun eletto del MoVimento la voterà. Nessuno! Anche perché- conclude- più sicurezza non vuol dire certo più armi in strada, al contrario. Andiamo avanti col contratto di governo, rispettando la volontà dei cittadini”.

LEGGI ANCHE: ‘Pistola facile’, ora la Lega vuole facilitare l’acquisto delle armi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2020-12-17T14:17:45+01:00