fbpx

VIDEO | Famiglia, Zaia: “L’omofobia è una malattia”

VERONA – “L’omofobia per me e’ una malattia, una patologia. Per cui io non sono qui a parlare male di tutto quello che sono le coppie omosessuali”. Lo afferma il governatore del Veneto Luca Zaia, oggi alla giornata di apertura del Congresso mondiale delle famiglie, al palazzo della Gran Guardia di Verona.

“In questo Paese e’ riconosciuto un diritto sacrosanto alle unioni e quindi alla legittimazione giuridica della coppia omosessuale punto e basta. Tutto il resto sono divagazioni sul tema che in un paese libero si possono assolutamente portare avanti ma che non centrano nulla con quella che poi e’ la realta’”, conclude Zaia.

LEGGI ANCHE:

Congresso famiglie Verona, Don Ciotti: “Una vergogna”

L’avvocata della Sacra Rota contro il Congresso di Verona: “Altro che Cattolicesimo, manipolano il Vangelo”

L’annuncio di Salvini: “Sabato sarò al congresso mondiale delle famiglie a Verona”

FAMIGLIA. ZAIA: LEGGE 194 NON VA TOCCATA

In Italia oggi “l’aborto e’ regolato da una legge, che e’ la 194” sulla quale “io non ho nessuna proposta di modifica”. Lo afferma il governatore del Veneto Luca Zaia, oggi all’apertura del Congresso mondiale delle famiglie a Verona.

“Molto probabilmente bisogna fare un ragionamento su quella parte della legge che prevede di dare a queste donne anche dei servizi, delle informazioni, e tutto quello che forse si fa in maniera minimale”, prosegue Zaia.

“Dopodiche’ io penso che quando non c’era la legge 194 la condizione dell’aborto era clandestina ed era un problema reale, perche’ poi la legge nasce da questo. Non penso che con la legge si utilizzi l’aborto come contraccettivo. Chi vuole un bimbo lo fa e porta avanti la gravidanza, a prescindere che ci sia una legge che da’ la possibilita’ di abortire. Chi invece vuol abortire ha una legge che perlomeno regolamenta il percorso. Tutto qua”, conclude Zaia. “Penso che la legge non debba essere toccata”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

29 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»