Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Europa in pillole 29 marzo

May annuncia dimissioni se Parlamento vota accordo su Brexit, Parlamento approva direttiva sul copyright
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Brexit, May: “Votate il mio accordo e mi dimetto”

La prima ministra Theresa May ha fatto sapere che si dimetterà quando il Parlamento britannico avrà approvato l’accordo da lei negoziato per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. May, che non ha indicato una data per le sue dimissioni, ha spiegato di “essere pronta a lasciare l’incarico per il bene del partito e del paese”. Dopo l’annuncio alcuni parlamentari hanno detto di essere disponibili a firmarlo, tra loro anche Boris Johnson. Al momento la scadenza della Brexit è stata spostata dal 29 marzo al 22 maggio, ma a patto che il Parlamento approvi un accordo entro i prossimi giorni. Tra i possibili successori di May ci sono Boris Johnson, Jeremy Hunt, Dominic Raab e Michael Gove.

Il Parlamento europeo ha approvato la riforma del copyright

Il Parlamento Europeo ha approvato la riforma del copyright, la direttiva per aggiornare le regole sul diritto d’autore nell’Unione Europea. Ora manca solo un passaggio formale al Consiglio dell’Ue, e poi diventerà legge. Alla votazione decisiva hanno votato a favore 348 parlamentari, mentre 274 hanno votato contro e 36 si sono astenuti. Per l’Italia, il Movimento 5 Stelle e la Lega erano contrari alla riforma, mentre Forza Italia e la maggior parte dei deputati del Partito Democratico erano a favore. I due articoli più discussi approvati, l’11 e il 13, prevedono rispettivamente un compenso per gli editori da parte delle piattaforme online e una maggiore responsabilizzazione di queste ultime per le violazioni dei diritti d’autore.

Parlamento europeo: dal 2021 via al divieto plastiche monouso

Il Parlamento europeo ha approvato una nuova direttiva che entro il 2021 impone agli Stati membri di vietare l’uso di plastica monouso come piatti, posate, cannucce e bastoncini cotonati e per palloncini. I 560 eurodeputati favorevoli (35 contrari, 28 astensioni) puntano a cancellare la decina di prodotti più inquinanti per mari e spiagge. Secondo la direttiva, inoltre, entro il 2029 gli Stati membri dovranno raccogliere attraverso la differenziata il 90% delle bottiglie di plastica. La normativa prevede anche che entro il 2025 le bottiglie di plastica debbano contenere almeno il 25% di contenuto riciclato, per passare al 30% entro il 2030.

Parlamento Ue approva abolizione passaggio ora legale-solare

Via libera dal Parlamento Europeo alla proposta fatta dalla Commissione Europea di abolire il passaggio dall’ora solare a quella legale, la convenzione per cui durante l’estate l’orario di tutta l’Europa viene spostato un’ora avanti, per sfruttare le ore di luce. La proposta della Commissione Europea prevedeva l’abolizione dell’ora legale già nel 2019, ma il Parlamento Europeo ha votato per rinviarla al 2021. La proposta passa ora ai negoziati fra Parlamento e Consiglio dell’Ue. Ogni singolo paese avrà tempo fino all’aprile del 2020 per decidere se continuare ad usare l’ora legale o quella solare.

Romania, Dancila: “Ambasciata in Israele andrà a Gerusalemme”

La premier Viorica Dancila ha annunciato l’intenzione di trasferire l’ambasciata romena in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Se accadesse, sarebbe il primo Paese europeo a farlo. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu spera che questo apra la strada ad altri Paesi, a cominciare dall’Ungheria. Il presidente conservatore Klaus Iohannis ha però replicato a Dancila: “La premier dimostra la sua ignoranza in politica estera. Il trasferimento dell’ambasciata ci sarà solo alla fine di un’analisi che è in corso e con il parere positivo di tutte le istituzioni”. La Romania detiene fino a fine giugno la presidenza semestrale di turno del Consiglio europeo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»