Lazio, Zingaretti a rischio: la maggioranza non c’è, Fratelli d’Italia annuncia sfiducia

Dopo una vittoria che non gli ha dato la maggioranza del consiglio e la lite con LeU, ora Zingaretti rischia la sfiducia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Abbiamo annunciato al presidente Zingaretti che presenteremo la mozione di sfiducia nei suoi confronti. Gli abbiamo ufficializzato che questa legislatura non può durare e non intendiamo restare sulla graticola”. Lo ha detto il consigliere regionale di Fdi, Giancarlo Righini, al termine della consultazione con il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

I risultati delle elezioni, infatti, hanno consegnato a Zingaretti una maggioranza ‘zoppa’: solo 25 consiglieri, contro i 26 necessari ad avere il controllo dell’aula. L’annuncio di Liberi e Uguali, che ha rifiutato un posto in giunta, segna poi un ulteriore difficoltà del presidente.

“Il presidente ci ha comunicato i punti dell’agenda che sottoporrà al Consiglio- ha aggiunto Righini- ma anche Zingaretti valuterà l’ipotesi di dimissioni se mancheranno le condizioni in Aula”.

GHERA (FDI): SFIDUCIA PER STANARE OPPOSIZIONI ‘AMICHE’ ZINGARETTI

“La mozione di sfiducia è un modo per stanare le opposizioni che oggi sbraitano ma fino a ieri hanno aiutato Zingaretti”. Lo ha detto il consigliere regionale di Fdi, Fabrizio Ghera, al termine della consultazione di Fdi con il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

LEGGI ANCHE:

Lazio, Liberi e Uguali scarica Zingaretti: “Non ci sono le condizioni per entrare in Giunta”

Pd, Zingaretti: “Ecco i punti per rigenerare il partito”

Lazio, vince Zingaretti: “Rimonta incredibile, ora rigenerare centrosinistra”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»