Napoli, Lettieri: “Ancora sangue, siamo in un far west”

NAPOLI - "Da inizio anno stiamo assistendo ad un'escalation di
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

gianni-lettieriNAPOLI – “Da inizio anno stiamo assistendo ad un’escalation di violenza senza precedenti, che continua ancora questa mattina con l’omicidio consumatosi a Piscinola. Intere zone del nostro territorio sono in mano alla criminalita’ organizzata e alla microcriminalita’ che, incontrollate, dettano legge come se vivessimo nel far west. E’ una situazione che non possiamo tollerare assolutamente: la sicurezza dei napoletani dev’essere tutelata in maniera prioritaria. E’ per questo che, considerata la totale assenza e mancanza di autorevolezza dell”amministrazione cittadina che continua ad occuparsi dell”effimero piuttosto che pensare ai napoletani, chiedo al Governo di intervenire in maniera forte: occorrono ancora piu’ donne e uomini in divisa a presidio h24 della citta’ ed e’ necessario uno sforzo investigativo ancora maggiore per sradicare la criminalita’ dai nostri territori. Nel contempo esprimo la mia gratitudine alle forze dell’ordine e di polizia che quotidianamente rischiano la vita per difendere il territorio, con mezzi e risorse spesso inadeguate, e alla magistratura che conduce indagini delicate e fondamentali. C’e’ bisogno di uno sforzo strarodinario da parte di tutte le istituzioni per fare fronte comune contro delinquenti e malavitosi. Serve tolleranza zero. Proprio per questo ho gia’ annunciato che la mia prima delibera di giunta sara’ volta a varare un pacchetto di norme salva sicurezza e ripristina legalita’. Io voglio, anzi, io esigo una Napoli sicura e libera”. Lo dichiara Gianni Lettieri, imprenditore e candidato sindaco a Napoli.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»