Passera: Landini? E’ come Berlusconi, il miglior alleato di Renzi

"Cosa hanno in comune Landini e Berlusconi? Molto,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

corrado passera“Cosa hanno in comune Landini e Berlusconi? Molto, e non è una provocazione: vediamo perché”. Cosi’ Italia Unica, nella nota quotidiana.

“In entrambi- spiega il partito di Corrado Passera- la voglia di protagonismo è evidente, dal presenzialismo del primo al lasciarsi evocare del secondo, così come la caparbietà nel considerare il resto del mondo come nemico. La politica è per entrambi qualcosa da respingere quasi con sdegno, rifugiandosi nella lotta sindacale l’uno, nell’essere imprenditore fattosi da sé l’altro. Peccato che entrambi abbiano fatto della politica un “affare”, prendendo ciò che era utile ai rispettivi progetti salvo dimenticare che la Fiom non riesce a organizzare scioperi neppure nelle sue roccaforti e che Forza Italia non è che se la passi meglio. Per entrambi l’idea di proporre un’alternativa è sinonimo di orticaria, molto meglio rivendicare che “il popolo” è con loro e che bisogna riconquistare le piazze, Milano, il Paese a seconda degli slogan o dei comizi. Che tali resteranno, se la propaganda resterà senza una vera proposta costruttiva. Perché, ed è questa l’ultima e più pericolosa delle somiglianze, continuando di questo passo saranno purtroppo i migliori alleati del disegno renziano di Partito della Nazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»