Al Gemelli un corso su Brca per infrangere tanti tabù

Una giornata di interventi, con la partecipazione di DireDonne, che ha avuto come focus il 'Tumore ovarico e BRCA: il presente per cambiare il futuro'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una maratona, una vera e propria staffetta di lezioni e interventi per superare i tabu’ e parlare delle ultime novita’ in campo preventivo e terapeutico per le donne mutate BRCA 1 e 2 e il loro rischio aumentato di tumore. Il corso che si e’ tenuto al Policlinico Gemelli di Roma e’ stato promosso dal professor Giovanni Scambia, direttore della scuola Class e da Salvatore Gueli Alletti e Vanda Salutari, ginecologi e responsabili scientifici del corso.

Una giornata di interventi, con la partecipazione di DireDonne, che ha avuto come focus il ‘Tumore ovarico e BRCA: il presente per cambiare il futuro’, ma si e’ parlato anche di tumore del seno, prevenzione primaria, medicina integrata, nuove frontiere terapeutiche e fertilita’.

Una giornata ricca di sessioni e di confronto tra gli specialisti coinvolti che e’ partita dall’analisi genetica del rischio BRCA e dai criteri di accesso al testo e al counseling per arrivare al “pannello genetico” in cui sono state presentate altre mutazioni meno note e relativi rischi correlati.

Non e’ mancato uno sguardo alla medicina integrata, con una presentazione delle attivita’ del nuovo reparto del Policlinico Gemelli, realizzato per un approccio olistico di intervento al cancro del seno e nato in collaborazione con la Komen Italia. E poi ancora la sorveglianza nelle donne sane mutate, i limiti della prevenzione secondaria sul rischio di tumore ovarico, la chirurgia profilattica, i vantaggi delle terapie con i parp inibitori per le mutate, il grande tema della menopausa soprattutto in donne giovani e la grande sfida della fertilita’. Da come preservarla prima delle terapie oncologiche, alla valutazione di una conservazione in eta’ giovanile valutando la questione della riserva ovarica nelle donne BRCA.

E anche qui sfidando tutti i tabu’: criconservazione ovocitaria, stimolazione ormonale e per la menopausa terapia ormonale sostitutiva, combinazioni adeguate anche per chi ha avuto storie pregresse di carcinoma, ma anche alimentazione corretta sia preventiva che durante le cure: ‘Cibo che ammala, cibo che protegge’, e poi attivita’ fisica, ormoni naturali e laser vaginale per non rinunciare a una vita sessuale piena e appagante.

Ecco gli specialisti coinvolti: D. Lorusso; I. Paris; C. Marchetti; F. Mascilini, S. Gueli Alletti che ha commentato una diretta dalla sala operatoria con una giovane brca1 sottoposta a ovariectomia profilattica eseguita da C. Rossitto; e ancora P. Villa; G. Corrado; L. Lafuenti e S. Magno.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»