Caos voli in Toscana. Contro appalto bagagli sciopero all’85%

FIRENZE - Caos voli nel territorio regionale: l'85% del personale di Toscana Aeroporti oggi ha incrociato le braccia.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Caos voli nel territorio regionale: l’85% del personale di Toscana Aeroporti oggi ha incrociato le braccia. Una risposta altissima quella dei lavoratori degli scali di Pisa e di Peretola (Firenze) allo sciopero indetto da Cgil-Cisl e Uil dalle 12 alle 16 di oggi per manifestare contro l’esternalizzazione del servizio di gestione dei bagagli. L’adesione ha toccato punte del 100% in alcuni settori e si è uniformemente distribuita fra i lavoratori ad alta e bassa professionalità a dimostrazione- evidenziano i rappresentanti sindacali, in una nota- della diffusa consapevolezza dell’importanza della vertenza in atto e dei posti di lavori a rischio.

Aereo che decolla

Andrea Gambacciani, segretario della Filt Cgil Firenze, fa sapere che “dal 27 marzo prossimo, fra le 6.05 e le 10 di mattina partiranno da Firenze dai 16 ai 20 voli e che ad agosto ci sarà un decollo ogni 10 minuti con una necessità del 30% in più di personale”. Malgrado ciò, accusa, “ad oggi non c’è stato alcun confronto con l’azienda e se non si aprirà immediatamente il confronto su stabilizzazioni e buona occupazione saremo costretti a prevedere ulteriori giornate di mobilitazione del personale”. In tutto, oggi sono stati 12 i voli saltati (sei a Pisa e sei a Firenze), più un volo ritardato dopo le 16 a Firenze.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»