A Milano il caffè sarà stelle e strisce: apre Starbucks

Dopo Domino's Pizza, a Milano, anche il caffè parlerà americano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

starbucks

ROMA – Una sfida. Ecco cos’è lo sbarco di Starbucks in Italia, una sfida alla tradizione, per qualcuno ad un culto. Il colosso statunistense delle caffetterie ha annunciato che agli inizi del 2017 il suo primo punto vendita aprirà i battenti a Milano, nella più internazionale delle città dello stivale. Una sfida intrapresa, anche, da Domino’s Pizza che proprio nel capoluogo lombardo ha già aperto una pizzeria ‘stelle e strisce’. Anche in questo caso so tratta di giocare una partita in ‘casa del nemico’.

Tornando a Starbucks, la sua sarà un’uscita in partnership con Percassi. L’Italia non è la prima frontiera che l’azienda statunitense varca. Primo approdo la terra dei ‘cugini’ inglesi, dove, a dir la verità, non ha poi sfondato. Sono 2400 i punti Starbucks aperti in Europa, Medio Oriente e Africa ma questi, nonostante il numero ingente, rappresentano solo il 10 per cento del fatturato globale. Un segno, questo, che dove c’è una forte tradizione il marchio non ha sfondato. Difficile sarà quindi anche nel nostro Paese dove il culto del caffè si lega ad un modo di vivere il proprio tempo libero, dove la ‘tazzina’ è una piacevole parentesi da condividere con gli amici, i colleghi ma anche solo con il barista di fiducia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»