Ma quale Crimi reggente, comanda ancora Di Maio. “Il M5S così muore”, gli oppositori si organizzano

L’editoriale di Nico Perrone per DireOggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – «Incredibile, questi non hanno capito niente di quanto sta accadendo, vogliono suicidare il M5S» dice al cronista un parlamentare ‘grillino’ raccontando quanto accaduto ieri sera all’assemblea generale con il reggente Vito Crimi: «Non c’era Di Maio? Crimi reggente non esiste, continua a comandare Di Maio. Ieri si è presentato con il pacchetto già preconfezionato, non è stato concesso spazio al confronto, hanno deciso tutto i soliti noti, come se nulla fosse cambiato. Questi ci vogliono suicidare», continua il parlamentare.

LEGGI ANCHE: Bonafede eletto per acclamazione capodelegazione del M5s: “Raccolgo il testimone di Di Maio”

Eppure «ci sono stati una trentina di interventi che chiedevano di avviare un confronto sulle prossime regionali, sulle alleanze… niente, vanno avanti come degli automi».

A questo punto le tante voci discordanti, le varie anime che si oppongono a questa linea suicida cercheranno di fare sintesi e così da una posizione più forte far naufragare il ritorno di Di Maio alla guida del Movimento.

Non resta molto tempo. Se da una parte si è già fatto intendere che gli Stati generali slitteranno a chissà quando, tra pochi mesi ci sono sei Regioni che andranno al voto. Che farà il M5S? Per quanto riguarda la Campania, a quanto si apprende, si sta già lavorando ad una intesa con il Pd sulla candidatura del ministro all’Ambiente, Sergio Costa.

LEGGI ANCHE: VIDEO | “Cos’era pure la quinta stella?”. La gaffe del nuovo leader M5s Crimi

Anche il Governatore uscente, Vincenzo De Luca, a quanto risulta, potrebbe convincersi a fare un passo di lato nel caso si trovi un accordo strategico. Perché il centrodestra al Sud è ancora molto forte e avrebbe la vittoria in tasca con un centrosinistra indebolito dalle polemiche e dagli scontri interni.

Ci sarà battaglia per far prevalere le tante ragioni che spingono all’alleanza tra M5S e Dem. Se, alla fine, così sarà, il prossimo anno l’intesa si potrebbe rafforzare con la candidatura di Raffaele Cantone a sindaco di Napoli.

DIREOGGI | LEGGI L’EDIZIONE DEL 29 GENNAIO 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»