Mediterranea denuncia: “Nave da guerra turca cattura i migranti e li consegna alla Libia”

Intanto nella maggioranza c'è chi vuole stracciare gli accordi con la Libia, Palazzotto (Leu): "Respingere chi scappa è un crimine"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un fatto gravissimo e un pericoloso precedente: la fregata militare turca TCG Gaziantep, inquadrata nell’operazione Sea Guardian a comando Nato (e quindi con coinvolgimento italiano), ha catturato 30 profughi nel Mediterraneo Centrale e li ha riconsegnati alla cosiddetta Guardia costiera libica, in un Paese senza pace e senza diritti. Ci chiediamo se il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini abbia qualcosa da dire in proposito”. Lo afferma Mediterranea Saving Humans.

LEGGI ANCHE: Migranti, l’Ocean Viking è approdata a Taranto

PALAZZOTTO: STOP A MEMORANDUM CON LIBIA, NO A RINNOVO AUTOMATICO

“Il governo il 2 febbraio non può rinnovare il Memorandum con Libia come se niente fosse, o in maniera burocratica, è invece necessario che si sospenda immediatamente la sua l’applicazione. Collaborare a respingere persone che fuggono è un crimine contro l’umanità“. Cosi’ il presidente della commissione di inchiesta sull’uccisione di Giulio Regeni Erasmo Palazzotto, deputato di Leu.

LEGGI ANCHE: Migranti, Msf: “A Lesbo la Grecia nega le cure ai bimbi gravemente malati”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»