Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Basilicata sono 2.925 le nuove imprese nate nel 2019

Note dolenti arrivano dal comparto artigiano, con 528 nuove aperture a fronte di 608 cessazioni, con un saldo negativo di 80 unità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Sono 2.925 le nuove imprese nate nel 2019 in Basilicata, con un tasso di crescita dello 0,32% rispetto al 2018. Lo rende noto la Camera di Commercio della Basilicata, diffondendo i principali dati sulla natalità e mortalità delle imprese risultanti dal Registro delle imprese e diffusi oggi da Unioncamere sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale condotta da InfoCamere, la società delle Camere di Commercio italiane per l’innovazione digitale.

A fronte delle nuove aperture, 2.730 hanno chiuso i battenti nello stesso periodo, consegnando, a fine anno, un saldo tra entrate e uscite positivo di 195 unità. A livello provinciale Potenza è cresciuta dello 0,38%, con 1.894 nuove aperture e 1.747 cessazioni (saldo + 147) mentre Matera ha registrato un +0,22% (1.031 nuove aperture e 983 cessazioni, con un saldo di 48 unità).

Note dolenti arrivano dal comparto artigiano, con 528 nuove aperture a fronte di 608 cessazioni, con un saldo negativo di 80 unità. Lo stock complessivo 2019 di aziende artigiane si attesta a quota 10.195, con un tasso di decrescita del -0,78% rispetto al 2018.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»