VIDEO | Prestiti con tassi del 520% annuo, padre e figlio usurai arrestati a Palermo

A dare il via all'indagine la denuncia di un imprenditore che a fronte di prestiti per 450mila euro ha dovuto restituire in un anno circa un milione di euro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Prestiti usurai che in alcuni casi registravano un tasso di oltre il 520% annuo e circa venti vittime accertate, prevalentemente imprenditori di Palermo e provincia.

La guardia di finanza ha eseguito due arresti, su ordine del gip, nei confronti di due palermitani residenti a San Cipirello. Si tratta di S.S. e S.A., padre e figlio: uno è finito in carcere, l’altro ai domiciliari.

Sono accusati di associazione a delinquere finalizzata all’usura, estorsione, utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti e abusiva attività finanziaria.

L’inchiesta, denominata ‘Papillon’, coinvolge anche la compagna di S.A., che risulta indagata in concorso, e altre due persone. Le fiamme gialle hanno poi sequestrato sette immobili, tre aziende, auto e beni di lusso per un valore complessivo di oltre cinque milioni di euro.

A dare il via all’indagine è stata la denuncia di un imprenditore che, stretto dalle pressanti richieste di denaro, ha deciso di raccontare la sua storia alla guardia di finanza: a fronte di prestiti per 450mila euro ha dovuto restituire in un anno circa un milione di euro.

Le indagini – eseguite attraverso intercettazioni, pedinamenti e analisi dei documenti contabili e bancari – hanno permesso di ricostruire un giro di affari milionario: secondo uno schema consolidato nel tempo, i prestiti, secondo quanto ricostruito dalle fiamme gialle, venivano effettuati avvalendosi delle aziende riconducibili agli stessi usurari e tutte attive nella vendita di materiali per edilizia.

I conti correnti delle imprese erano utilizzati sia per erogare il prestito che per l’incasso delle rate, “avendo cura però – spiega la guardia di finanza – di produrre fatture per operazioni inesistenti per giustificare i flussi finanziari”. In altri casi, invece, le vittime si rivolgevano direttamente agli indagati per ottenere prestiti di ingenti somme in contanti, rilasciando a garanzia assegni in bianco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»