fbpx

Tg Riabilitazione, edizione del 29 gennaio 2020

MANIPOLAZIONI VERTEBRALI, AIFI: AFFIDARSI SOLO A PROFESSIONISTI

“La manipolazione vertebrale é una tecnica sicura quando eseguita da un medico o da un professionista sanitario qual è il fisioterapista con formazione specifica in terapia manuale. E gli eventuali rischi sono quelli legati a qualsiasi atto sanitario”. È quanto tiene a precisare all’agenzia Dire il presidente del Gruppo terapia manuale dell’Associazione italiana Fisioterapisti, il dottor Filippo Maselli, sugli eventuali rischi che corre chi si sottopone a manipolazioni al collo non effettuate da professionisti sanitari con specifica formazione. L’intervento di AIFI arriva in seguito al caso raccontato dal giornalista Andrea Vianello, colpito circa un anno fa da un grave ictus. “Il rischio reale di una manipolazione non sta nella tecnica- sottolinea il dottor Maselli- ma bisogna escludere quei pazienti che in quel momento hanno segni e sintomi di una patologia grave sistemica, traumatica o vascolare”.

DISABILITÀ RESPIRATORIE GRAVI, A SARCONE TERLIZZI CENTRO RIABILITAZIONE

Il presidio ospedaliero Sarcone di Terlizzi, a Bari, ospita al suo interno uno dei primi Centri di Riabilitazione respiratoria pubblici della Puglia e garantisce un percorso assistenziale e terapeutico dedicato a diagnosi, terapia e follow up di disabilità respiratorie croniche, gravi e resistenti post acuzie nonché dei disturbi del sonno ad esse collegate. Da settembre ad oggi sono stati già trattati 300 pazienti. “Questi interventi- commenta il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano– sono possibili grazie al piano di riordino che, come si può riscontrare, non ha chiuso nessuna struttura ospedaliera, ma le ha riclassificate aumentando i posti letto e consentendoci di sbloccare dopo quasi venti anni le assunzioni di nuovi medici, infermieri e operatori sanitari”. L’unità di Riabilitazione respiratoria, fa sapere il direttore generale della Asl di Bari, Antonio Sanguedolce, è “la prima parte di un progetto di riorganizzazione che farà di Terlizzi un polo di eccellenza in questo ambito, integrato a breve da ulteriori unità di Riabilitazione cardiologica e motoria”.

AL CENTRO PADRE PIO NUOVO ROBOT PER RIABILITAZIONE PER ARTO SUPERIORE

Al centro Padre Pio di San Giovanni Rotondo arriva un nuovo robot per la riabilitazione dell’arto superiore che può essere applicato in caso di disordini neurologici e muscoloscheletrici. Può essere utilizzato con paziente seduto o in piedi e ha diverse modalità d’utilizzo: modalità passiva, attiva, assistita e resistiva. E’ provvisto di un sistema di reportistica utile per raccogliere dati oggettivi durante il percorso riabilitativo tenendo monitorati i progressi del paziente. Il dispositivo M2 sarà disponibile per il trattamento di pazienti con esiti di stroke, lesione midollare, sclerosi multipla, parkinson e gravi cerebrolesioni acquisite.

AL CENTRO CLINICO ICI DI ROMA NUOVA SALA GIOCHI PER PICCOLI PAZIENTI

Un nuovo spazio multifunzionale dedicato ai piccoli pazienti. E’ questa la novità presentata dal centro clinico ICI di Roma, autorizzato dalla Regione Lazio e gestito dal Consorzio Universitario Humanitas in collaborazione con il Dipartimento di Neuroscienze e dell’U.O. di Psicologia Clinica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e del Corso di Laurea in Psicologia dell’Università LUMSA. Un ambiente realizzato grazie alla collaborazione tra GameStopZing Italia, Nintendo e Consorzio Universitario Humanitas e che è un ulteriore passo del progetto su scala nazionale che GameStopZing Italia sta attuando dallo scorso anno. “Crediamo che dotare un centro clinico, che si occupa prevalentemente di valutazione e riabilitazione dei disturbi del neurosviluppo, possa favorire una corretta educazione sull’utilizzo delle tecnologie ludiche a servizio degli adolescenti”, dice Francesca Turrisi, responsabile organizzativo di ICI- Istituto Clinico Interuniversitario.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

29 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»