“I got it”, la promessa della figlia di Kobe Bryant ai tifosi dei Lakers

Gianna Maria Bryant è morta nell'incidente in elicottero in cui ha perso la vita suo padre. Sognava di prendere il testimone di Kobe
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


(Video di Woman Times)

ROMA – “I got it”, me ne occupo io. Così Gianna Maria, la figlia di Kobe Bryant, rispondeva ai fan dei Lakers che chiedevano al loro simbolo di fare un figlio maschio. Appena 13 anni, ma tanta voglia di vincere, la ‘Little Mamba’ era più forte degli stereotipi e del fatto che il mondo non contemplasse il fatto che una piccola donna sognasse così grande. Gianna Maria sognava di spiccare il volo come suo padre e di arrivare ancora più in alto, schiacciando in faccia a tutti, agli schemi e alle maldicenze, strillando che ce l’avrebbe fatta, tornando a terra dopo essere andata a canestro per guardare suo padre e tutto il mondo per dire ‘I got it’ (me ne occupo io).

LEGGI ANCHE

VIDEO | Kobe Bryant e l’Italia, dall’infanzia al discorso degli Oscar

Nba, Kobe Bryant morto in un incidente con l’elicottero: tra le vittime anche la figlia di 13 anni

Un terribile incidente in elicottero purtroppo le ha impedito di mantenere la sua promessa. Cresciuta a pane e basket, seguendo i consigli di Kobe Bryant e allenandosi durante per diventare il suo testimone, purtroppo la ‘Little Mamba’ non ce l’ha fatta e se ne è andata insieme al padre che tanto amava tre giorni fa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

29 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»