Roma, ‘Non una di meno’ annuncia blitz in Municipio I durante incontro con il senatore Pillon

ROMA - Al grido di #StopMedioevo le donne di 'Non Una di Meno Roma', armate del fazzoletto fuxia simbolo del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Al grido di #StopMedioevo le donne di ‘Non Una di Meno Roma’, armate del fazzoletto fuxia simbolo del movimento, annunciano un blitz nella sala consiliare del I Municipio di Roma per giovedì 31 gennaio alle ore 17, quando il senatore Simone Pillon sarà ospite della Lega di Salvini nella sala di via della Greca, 5 per l’incontro ‘Famiglia e natalità. Quali politiche per affrontare il drammatico invecchiamento della nostra società‘. Alla tavola rotonda, curata dai responsabili ‘Cultura e politiche per la famiglia’ del coordinamento I Municipio della Lega, saranno presenti anche il vicepresidente della Commissione Lavoro del Senato, William De Vecchis, e il consigliere e vicepresidente della Commissione Cultura Municipio Roma Centro Storico, Marco Velloccia.

“Usciamo dai social e andiamo a dirgli noi che ne pensiamo del #DdlPillon- incalzano le donne del movimento sulla pagina Facebook di Non Una di Meno Roma- Il Ddl Pillon, attualmente in discussione alla Commissione Giustizia, rappresenta una vera e propria minaccia per i minori e donne che affrontano la separazione. Il presupposto del disegno di legge, è che il divorzio abbia di fatto privilegiato le madri e penalizzato i padri: dei minori non importa. Abolendo l’assegno di maternità, imponendo la bigenitorialità perfetta come criterio quantitativo e non qualitativo, introducendo la mediazione familiare obbligatoria e il piano genitoriale, sdoganando l’utilizzo della Pas (sindrome da alienazione parentale) in tribunale, e aumentando i costi del divorzio, si cerca di riportare l’orologio indietro di diversi decenni legando le donne al destino di un matrimonio fallito, oltre a subordinare le esigenze dei figli alla volontà dei genitori, anzi dei padri, e a legittimare la violenza domestica sottraendo alle donne ogni strumento normativo per garantire serenità e sicurezza a se stesse e ai figli”.

“Intanto- continua il post- il congedo di maternità diventa flessibile mentre il congedo di paternità è solo di cinque giorni, mentre il sostegno scolastico viene tagliato e il reddito di cittadinanza diventa un cappio per famiglie troppo povere per separarsi. Lo abbiamo gridato il #10n e ribadito nella puntata di PresaDiretta- conclude ‘Non Una di Meno Roma’- il Ddl Pillon è contro le donne“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»