Torna il commissario Montalbano e festeggia 20 anni in tv

ROMA - L'appuntamento è per l'11 e il 18 febbraio sempre sullo stesso canale. Rai 1 ospiterà per due prime
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’appuntamento è per l’11 e il 18 febbraio sempre sullo stesso canale. Rai 1 ospiterà per due prime serate i nuovi episodi de ‘Il commissario Montalbano’ che vede ancora una volta Luca Zingaretti nei panni del commissario più amato dagli italiani nato dalla penna di Andrea Camilleri e diretto dal regista Alberto Sironi. Con lui anche l’ormai irrinunciabile cast: Cesare Bocci (Mimì Augello), Peppino Mazzotta (Giuseppe Fazio), Angelo Russo (Catarella) e con la partecipazione di Sonia Bergamasco (Livia).

La tredicesima stagione è anche l’occasione per festeggiare i 20 anni del commissario sul piccolo schermo: la prima puntata andò in onda il 6 maggio del 1999 con la trasposizione del libro ‘Il ladro di merendine‘.

Leggi anche: “L’addio a Montalbano è già scritto”, le parole di Camilleri a #Cartabianca

I nuovi episodi

Il tema delle due nuove puntate è quanto mai attuale: gli sbarchi in Sicilia. Il primo episodio, che andrà in onda l’11 febbraio alle 21.25, è tratto da L’altro capo del filo (edito da Sellerio nel 2016):  a Vigata, Montalbano è impegnato nella gestione degli sbarchi, nei soccorsi ai migranti, nello smascheramento degli scafisti. 

L’altro episodio ‘Un diario del ’43’, che andrà in onda il 18 febbraio alle 21.25, è tratto da due racconti della raccolta Un mese con Montalbano (1998): Un diario del ’43 e Being here che parlano dello sbarco americano in Sicilia nel 1943.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»