Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’allarme del primo cittadino di Amatrice: “Noi sindaci del cratere pronti a dimetterci”

ROMA -  "Se non avranno risposte sulla ricostruzione, tutti i sindaci del cratere marceranno presto uniti e rimetteranno il mandato.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Se non avranno risposte sulla ricostruzione, tutti i sindaci del cratere marceranno presto uniti e rimetteranno il mandato. Siamo rimasti senza interlocutore e senza guida“. Lo dice Filippo Palombini, sindaco di Amatrice, in una intervista a Il Giornale.

Non è un problema di vuoto normativo, spiega Palombini, perché “le leggi ci sono, ma mancano i decreti per renderle operative. Faccio l’esempio del dl 55 del luglio scorso. Il denaro è rimasto bloccato, lo stesso commissario per la Ricostruzione ignorava che servisse un ulteriore passaggio”.

Nel suo appello Palombini si rivolge anche ai commissari nominati esortandoli a passare meno tempo in ufficio e più sui territori. Gli ultimi in ordine temporale a visitare Amatrice e gli altri luoghi colpiti dal sisma sono stati il commissario straordinario alla Ricostruzione, Piero Farabollini, e il sottosegretario Vito Crimi. Quest’ultimo “è stato nelle zone terremotate- ha concluso Palombini- ma gli servirà tempo per comprendere le ansie e le domande di questa comunità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»