Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nuovo attacco a Kabul, esplosioni all’Accademia militare

Solo sabato in un altro attentato c'erano stati 103 morti e oltre 200 feriti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un nuovo attentato terroristico a Kabul, in Afghanistan. All’alba di oggi (in Italia erano le 3, in Afghanistan le 5) c’è stata una forte esplosione all’Accademia militare, la Marshal Fahim National Defense University di Kabul: si tratta della scuola dove viene addestrata l’elite militare afghana, quindi di un obiettivo fortemente simbolico.

Ci sono 11 soldati uccisi e 16 feriti, ma il bilancio è solo provvisorio. 

Solo due giorni fa, sabato, un altro gravissimo attentato con un’ambulanza autobomba aveva provocato 103 morti e oltre 200 feriti, poi rivendicato dai talebani. E la settimana scorsa, a Jalabad, era stata attaccata la sede di Save the children.

Questa mattina, dopo l’attacco, ci sono state esplosioni e raffiche di spari e tuttora sarebbe in corso sparatorie. Secondo la ricostruzione ufficiale, a compiere il blitz sono stati cinque militanti, quattro dei quali uccisi nella battaglia seguita all’assalto e un quinto arrestato.
Il raid e’ stato rivendicato dal gruppo Stato islamico
attraverso il portale ‘Amaq’.

Il portavoce del ministero della Difesa, Dawlat Waziri, ha indicato che l’attacco del commando sarebbe stato diretto alla 111/a Divisione dell’esercito di stanza accanto all’Università.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»