Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Boldrini incalza l’Ue: “Risponda a Trump, non possiamo restare spettatori”

Quello che sta succedendo negli Stati Uniti "riguarda tutti noi", ammonisce la presidente della Camera
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Riguarda tutti noi quello che il nuovo presidente Trump sta decidendo per gli Stati Uniti perché i suoi provvedimenti, oltre a minare le basi dei principi giuridici internazionali, portano ad un caos generale e rischiano di alimentare pericolose ritorsioni”. Lo scrive su Facebook la presidente della Camera Laura Boldrini, che aggiunge: “Prima gli insulti inaccettabili contro i messicani, definiti ‘criminali e trafficanti’. Poi la rivalutazione della tortura come strumento che ‘funziona’ nella lotta al terrorismo. Ora il blocco per tre mesi all’ingresso dei cittadini provenienti da 7 Stati a prevalente religione musulmana, e con esenzione per i cristiani. E infine lo stop all’arrivo di rifugiati siriani”.

LEGGI ANCHE Trump ferma l’immigrazione da 7 paesi islamici, via alla corsa agli armamenti

Per Boldrini “sono segnali, inequivocabili e allarmanti, che si vogliono fare distinzioni su base etnica e religiosa, che il sospetto può investire interi popoli e non i singoli accusati di reati, che le convenzioni internazionali sottoscritte anche dagli Usa perdono di valore e i diritti umani si applicano ad intermittenza, che per rispondere all’Isis è lecito anche usare strumenti non consentiti dall’ordinamento. Nella società statunitense stanno montando le proteste, in nome di quei valori di apertura, accoglienza e rispetto delle differenze sui quali è stata costruita la loro identità”.

Poi, incalza: “Di qua dall’Atlantico non ci possiamo limitare al ruolo di preoccupati spettatori. Non lo possiamo fare perché le nostre Costituzioni nascono sulle ceneri della seconda guerra mondiale e delle persecuzioni su base razziale, ideologica e religiosa. È questa eredità che ci ha portato a riaffermare con forza nelle nostre Carte i principi di libertà, di eguaglianza e di non discriminazione per i quali l’Europa è stata e continua ad essere un punto di riferimento mondiale. È urgente che l’Unione, così come ogni singolo Stato, risponda, con voce ferma e decisa nel rivendicare la compatibilità tra le esigenze della sicurezza e lo Stato di diritto”.

LEGGI ANCHE Minniti: “Inaccettabile l’equazione migranti-terrorismo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»