Minniti: “Inaccettabile l’equazione migranti-terrorismo”

E annuncia l'abbattimento dei tempi per ottenere lo status di rifugiato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI  – “L’equazione immigrazione-terrorismo e’ sbagliata. E’ inaccettabile. Stiamoci attenti perche’ si crea un’area di emarginazione e insoddisfazione che diventa il brodo di cultura del terrorismo”. Lo dice il ministro dell’Interno Marco Minniti, parlando all’assemblea degli amministratori Pd.

“Io proporro’ che ci sia un significativo abbattimento dei tempi perche’ si arrivi a una valutazione definitiva dello status di rifugiato. Non possono passare due anni di tempo. Perche’ due anni di tempo producono uno stress nella capacita’ di accoglienza che e’ difficilmente gestibile”, prosegue. Minniti annuncia “modifiche legislative e aumento delle forze impegnate nelle commissioni di valutazione. Tempi drasticamente abbattuti“.

LEGGI ANCHE Trump ferma l’immigrazione da 7 paesi islamici, via alla corsa agli armamenti

“RIMPATRI PER CHI NON RISPETTA LA LEGGE”

“Dobbiamo tenere insieme due parole fondamentali: severita’ e integrazione. Noi dobbiamo lavorare perche’ sia rimpatriato nel paese di provenienza chi non e’ nelle regole, chi non rispetta la legge”, dice il ministro dell’interno Marco Minniti.

Minniti aggiunge: “E questo non e’ un desiderio del ministro dell’interno. E‘ la legge della repubblica italiana“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»