Sblocca Italia, Galletti: “Art. 35 non è contro le Regioni, ma a favore”

[caption id="attachment_17246" align="alignleft" width="300"] G. Galletti[/caption] ROMA - "L'articolo 35 dello
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
G. Galletti
G. Galletti

ROMA – “L’articolo 35 dello Sblocca Italia non è contro le Regioni, ma a favore“. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, intervenendo alla presentazione del ‘Green Book’ a Palazzo Valentini, a Roma, sottolineando che “a febbraio il decreto applicativo andrà in Conferenza delle Regioni, che mi auguro sarà quella definitiva“.

L’articolo 35, ha spiegato Galletti, “per la prima volta introduce una rete nazionale di termovalorizzatori e impianti di smaltimento che serve molto anche per evitare delle infrazioni Ue che sono alla porta e mi preoccupano, e in questo modo diamo una programmazione completa al sostema: l’articolo parte dal fabbisogno nazionale di smaltimento dei rifiuti, censisce gli impianti esistenti, fa una proiezione dei parametri europei a scadenza (il 65% di differenziata e il -10% di produzione dei rifiuti) e individua quindi il fabbisogno residuo, che viene gestito attraverso tutti gli impianti esistenti e quel che resta in nuovi impianti”.

“Ovviamente io non ho nessuna affezione verso le aziende che producono termovalorizzatori né verso gli impianti, odio le discariche e non posso permettere che un Paese civile come l’Italia mandi ancora il 40% dei rifiuti in discarica: l’articolo 35 fa venire meno questa vergogna”. Per il ministro si tratta di “un lavoro onesto e preciso e forse troppo ottimistico, perché diamo per scontato il raggiungimento del 65% anche da parte di Regioni che sono al 12% come la Sicilia, che io credo possa avvenire”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»