hamburger menu

Il ministro Schillaci pensa all’obbligo di tampone per chi arriva dalla Cina

Dopo lo stop alle restrizioni deciso da Xi Jinping e l'esplosione dei contagi, a Malpensa e Fiumicino riprendono i test. E anche Napoli potrebbe adeguarsi

Pubblicato:28-12-2022 13:07
Ultimo aggiornamento:28-12-2022 15:49
Canale: Campania
Autore:
covid
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – L’esplosione dei contagi da Covid in Cina, dopo l’allentamento delle dure restrizioni mantenute a lungo dal governo di Xi Jinping, preoccupa il mondo intero. Le autorità locali non forniscono più il bollettino dei nuovi casi e delle vittime del coronavirus, ma stime ufficiose parlano di numeri da record: fino a un milione di contagi e migliaia di morti al giorno.

SCHILLACI: “SEGUIAMO SVILUPPI CON LA MASSIMA ATTENZIONE”

Il ministero della Salute informa in una nota che il titolare Orazio Schillaci “già dalle prime notizie, sta seguendo con la massima attenzione gli sviluppi della nuova ondata Covid19 in Cina. Da venerdì scorso si è confrontato con la Cabina di regia dell’Iss per il monitoraggio sull’andamento dei contagi Covid19. Da sabato 24 dicembre a oggi, il ministro ha seguito con attenzione l’esito dell’esecuzione dei tamponi sui passeggeri in arrivo a Malpensa provenienti dalla Cina e ha raccomandato il sequenziamento di tutte le varianti che possono emergere dai tamponi“.

“In queste ore – prosegue il comunicato – il ministro sta valutando la possibilità di disporre il tamponamento obbligatorio per tutti i passeggeri provenienti dalla Cina. La sorveglianza e la prevenzione, attraverso il sequenziamento, sono fondamentali per individuare con tempestività eventuali nuove varianti che possano destare preoccupazione e che, al momento, non risultano in circolazione in Italia. Il ministro Schillaci, inoltre, è in contatto da giorni anche con le autorità competenti degli altri Stati Ue per definire strategie condivise. Sul tema oggi pomeriggio riferirà in Consiglio dei ministri”.

BASSETTI: “INTERVENIRE SUBITO SU TUTTI I VOLI DALLA CINA”

L’infettivologo Matteo Bassetti su Facebook scrive: “Siamo in una situazione in cui non avrei mai immaginato di trovarmi. Se vogliamo evitare di riprendere un Sars-CoV-2 mutato dobbiamo intervenire subito: servono controlli su tutti i voli dalla Cina, restrizioni ai viaggi, tampone molecolare ai passeggeri nelle 24 ore precedenti la partenza o quarantena all’arrivo con test molecolare per uscirne, altrimenti chi arriva non deve circolare”.

TAMPONI PER TUTTI GLI ARRIVI DALLA CINA A MALPENSA

In Italia a fare da apripista è la Regione Lombardia: sul sito dell’aeroporto di Milano Malpensa un avviso spiega che all’arrivo “è consigliato effettuare un tampone antigenico molecolare per tutti i passeggeri e gli operatori provenienti dalla Cina. Il presente regolamento è immediatamente valido fino al 30 gennaio 2023″. Non una misura obbligatoria, dunque, ma una misura per monitorare l’evoluzione della pandemia e la comparsa di nuove varianti.

Sul sito ‘Viaggiare sicuri’ della Farnesina, si ricorda che nel gigante asiatico “si registra un elevato numero di infezioni da Covid con la conseguente forte pressione per il sistema sanitario cinese. Si informa che la Regione Lombardia ha dato indicazione alla Ats Insubria, di riferimento per l’aeroporto di Malpensa, di sottoporre a tampone molecolare di screening per Covid-19 tutti i passeggeri/operatori provenienti dalla Cina”.

A FIUMICINO RIPRENDONO I TEST PER CHI VIENE DALLA CINA

“In attesa delle disposizioni nazionali riprendono i test all’aeroporto internazionale di Fiumicino per i voli che provengono dalla Cina. I test si svolgeranno con le consuete modalità, sotto la supervisione dell’Istituto Spallanzani e con il supporto delle USCAR regionali. Non dobbiamo abbassare la guardia, le ultime notizie sul Covid ci spingono a tenere alta l’attenzione”. Lo dichiara in una nota l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato.

DE LUCA PREPARA LA STRETTA A CAPODICHINO

E dopo la Lombardia, anche la Regione Campania è pronta a nuove misure per contrastare la diffusione del virus. “Credo che prenderemo qualche decisione rispetto ai cittadini provenienti dalla Cina – dichiara il governatore Vincenzo De Luca – Rischiamo di avere nuovi focolai, quindi dobbiamo tenere gli occhi aperti. In Cina viaggiano ormai su un milione di contagiati al giorno. Dobbiamo fare attenzione, non so che diavolo di variante hanno in Cina”.

Il presidente della Regione Campania, intervenendo ad Avellino a un’iniziativa per accogliere i cento nuovi assunti dall’azienda regionale di tpl Air Campania, prosegue: “Prenderemo delle misure per quanto riguarda l’aeroporto di Capodichino. Chi arriva dalla Cina da oggi in poi deve essere sottoposto a tampone. Non possiamo consentirci di accendere focolai di Covid con altre varianti”.

TAMPONI A MALPENSA, TOSCANA CRITICA: FUGHE IN AVANTI INOPPORTUNE

Il tampone per chi atterra a Malpensa dalla Cina non è obbligatorio. Il test è facoltativo e rientra nelle misure di prevenzione anti Covid per accertare la variante del virus di chi arriva dal Paese asiatico. La misura della Regione Lombardia, tuttavia, non piace alla Toscana. “Sugli aeroporti la competenza è esclusivamente e assolutamente dello Stato. Fughe in avanti da parte delle Regioni non sono opportune”, sottolinea il presidente della Regione, Eugenio Giani, rispondendo alle domande dei cronisti. “L’abbiamo visto con il Covid: non è mai opportuno prendere una strada da soli per farsi belli rispetto agli altri. Noi, sotto questo aspetto, ci rimettiamo alle disposizioni che il ministero della Salute e, complessivamente, il governo vorrà prendere”.

Sulla stessa linea si colloca Simone Bezzini, l’assessore alla Salute del governo toscano. “Ci aspettiamo che su queste materie ci siano indicazioni omogenee per tutto il territorio nazionale. La delicatezza di questa materia sconsiglia interventi a macchia di leopardo, che potevano essere giustificati nei primi mesi della pandemia. Ma ora, alla luce dell’esperienza fatta e delle informazioni disponibili, tocca al ministero della Salute dare indicazioni alle Regioni”. Tornando alla situazione in Cina, Giani si congeda con una riflessione: la via maestra è quella della vaccinazione, mentre “ritengo che la strada della Cina, puntare sull’isolamento per non far circolare il virus, si è rilevata perdente”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-12-28T15:49:38+01:00

Ti potrebbe interessare: