Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Emilia-Romagna vede il giallo. Donini: “Prossimi giorni decisivi”

raffaele donini
L'assessore regionale alla Sanità: "Siamo intorno al 13-14% di ricoveri nei reparti ordinari, il cambio di colore dipenderà anche dal numero di dimessi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’Emilia-Romagna rischia di diventare gialla nei giorni intorno a Capodanno. “Sì, direi che la possibilità c’è“, dichiara l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, oggi a margine di una cerimonia a Bologna. “Pur avendo resistito nelle vacanze di Natale” come altre regioni, “in questa settimana è decisivo soprattutto il livello di criticità dei reparti ordinari“. Su questo fronte, ricorda Donini, “noi siamo intorno al 13-14%, quindi potrebbe essere che nel giro di qualche giorno si possa superare questa criticità a meno che la degenza media soprattutto delle persone nei reparti ordinari, che sono vaccinate e quindi hanno manifestazioni più lievi della malattia, che si è accorciata di molto, non sia capace di favorire un ricambio molto forte nei reparti”.

Però con l’aumentare dei contagi, “qualcuno che possa avere bisogno per qualche giorno di cure ospedaliere sicuramente c’è”, aggiunge l’assessore. “Penso che questi tre o quattro giorni siano fondamentali – sottolinea Donini – per capire se il livello di criticità dei reparti ordinari Covid supererà il livello di guardia del 15% e siamo di poco al di sotto. Ripeto: dipende molto anche dalle dimissioni, perché ovviamente gli ingressi ci sono e abbiamo visto che abbiamo una media di più di 100 persone al giorno che necessitano di cure ospedaliere, però ci sono anche tante persone che hanno una degenza molto breve, perché vaccinate, quindi necessitano di cure per pochi giorni quindi finora c’è stato un saldo che non ha comportato la zona gialla”.

L’attenzione, ovviamente, è sulla variante Omicron. “Ci rende concentrati rispetto ad una sua diffusività che da noi ormai ha raggiunto oltre il 20% dei casi totali ma che si pensa possa progredire rapidamente – afferma Donini – perché in altre regioni, penso alla Lombardia, è già al 40%. Quindi stiamo parlando di una variante molto diffusiva”.

In questo contesto “i casi aumentano e non aumentano per fortuna in proporzione le ospedalizzazioni, ma in valore assoluto ci aspettiamo anche qualche numero in più nei reparti”. Pensando soprattutto alle terapie intensive, “continuiamo a raccomandare la vaccinazione perché purtroppo all’interno di questi reparti la grande maggioranza dei ricoverati, oltre il 70% in regione, è costituita da persone non vaccinate nemmeno con una dose”, sottolinea l’assessore.

“PRONTI ALLA DOSE BOOSTER DOPO QUATTRO MESI”

L’Emilia-Romagna è pronta ad affrontare la prosecuzione della campagna vaccinale tenendo conto che, a partire dal 10 gennaio, l’intervallo tra seconda e terza dose scenderà da cinque a quattro mesi. Parola dell’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini. “La comunità scientifica ha valutato da tempo il fatto che dal sesto mese in poi si riduce sensibilmente la protezione immunitaria, l’anticipo a cinque e poi a quattro mesi probabilmente risente del fatto che essendo in circolazione una variante come l’Omicron, molto diffusiva, un ulteriore rafforzamento della risposta immunitaria potrebbe ridurre non solo la malattia grave ma anche la circolazione del virus. Quindi ci atteniamo alle disposizioni e siamo pronti”, afferma l’assessore a margine di un evento a Bologna.

Intanto, in Emilia-Romagna “abbiamo ripreso a vaccinare in quantità industriale, perché ieri abbiamo fatto 41mila vaccinazioni – sottolinea Donini – che sono quelle che facevamo ai tempi di picco della vaccinazione di massa nella prima parte della campagna. E probabilmente aumenteremo ancora, da gennaio, sulla base delle indicazioni che ci darà il generale Figliuolo”. Quindi, in conclusione, “la raccomandazione è: i vaccini non mancano, noi ci stiamo organizzando, coloro che non sono vaccinati lo facciano al più presto“, manda ancora una volta a dire Donini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»