Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lanciata petizione per ripristinare il Garante per l’infanzia in Basilicata

È l'appello del consigliere regionale di Italia Viva, Luca Braia, dopo l'eliminazione della figura con una legge votata dalla maggioranza di centro destra a trazione Lega
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Ripristinare immediatamente la figura del Garante per l’infanzia e l’adolescenza in Basilicata eliminato con una legge votata dalla maggioranza di centro destra a trazione Lega. È quanto chiede il consigliere regionale di Italia Viva, Luca Braia, che ha anche lanciato una petizione sulla piattaforma web Change.org. “Eliminare il garante specifico, previsto per legge nazionale e chiesto dall’Unicef a tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, dei minori tutti – scrive Braia nel testo che accompagna la petizione – è un gesto sconsiderato che va a creare ancora più sconforto e destabilizzazione, in queste feste a bambini e famiglie. Una aberrazione amministrativa ma soprattutto civile”. Braia chiede il ripristino di questa figura “che riteniamo fondamentale, soprattutto in questo momento in cui l’emergenza Covid-19 accresce ancora di più l’emergenza educativa e il divario sociale”, afferma. L’invito a firmare è rivolto alle famiglie e alle istituzioni, oltre che a tutto il mondo che si occupa di minori, con l’obiettivo di “ristabilire quanto deciso nel 2009 e per eventualmente potenziare la struttura di organico utile a rendere ancora più efficace ed efficiente l’azione a tutela dei bambini e delle bambine, cosi’ come degli adolescenti lucani”. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Osservatorio nazionale Infanzia: “No a Garante unico in Basilicata”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»