Il calendario dei saldi invernali, restrizioni permettendo

saldi
Ogni regione darà via agli sconti in date differenti a cominciare dal 2 gennaio, fino al 30 quando anche Emilia-Romagna, Toscana e Veneto potranno aprire la stagione delle promozioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Le feste di Natale sono trascorse nel segno della zona rossa, e per Capodanno non serviranno nuovi abiti luccicanti e tacchi alti per festeggiare in famiglia. Forse però, agli italiani tornerà la voglia di fare acquisti nel nuovo anno, possibilmente a prezzi scontati e ‘in presenza nei negozi’, per sfruttare al massimo il cashback promosso dal Governo. Nel 2021 saranno inusuali anche le date dei saldi invernali, condizionate dalla pandemia di coronavirus e dalle conseguenti restrizioni alla circolazione.

Le svendite cominceranno il 2 gennaio in Basilicata, Campania, Friuli Venezia Giulia, Molise, Puglia e Valle d’Aosta. L’Abruzzo avrebbe dovuto dare il via agli sconti il 5 gennaio insieme alla Sardegna, ma l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Daniele D’Amari, ha annunciato che i saldi cominceranno il 4, in compagnia della Calabria, per permettere gli acquisti in previsione dell’Epifania. Il 7 gennaio toccherà a Sicilia, Lombardia e Piemonte – Dpcm permettendo – mentre l’Umbria ha scelto di spostare al 9 l’avvio delle promozioni. Il 12 gennaio sarà possibile si potrà fare shopping a prezzi vantaggiosi in Lazio, e il 16 anche nelle Marche e nella provincia autonoma di Bolzano, mentre in quella di Trento le date delle promozioni sono a libera scelta dei negozianti. In Liguria i saldi invernali cominceranno il 29 gennaio, e le ultime regioni a dare il via agli sconti saranno, il 30, Emilia-Romagna, Toscana e Veneto, dove però sarà possibile effettuare delle promozioni già nei giorni precedenti.

LEGGI ANCHE: L’appello di Airc, Aism e Telethon: “Ridurre oneri fiscali su acquisti”


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»