Gli infermieri: “Bene la specificità, ma servono più risorse”

Approvata l'indennità professionale specifica per gli infermieri. Fnopi: "Professione che ha dimostrato e dimostra ogni giorno il suo ruolo essenziale accanto ai cittadini e ai pazienti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La specificità infermieristica “è stata riconosciuta. Parlamento e Governo con l’approvazione dell’indennità di specificità infermieristica hanno accolto le richieste degli infermieri che durante la pandemia hanno dimostrato in prima linea la loro professionalità, capacità, qualità e valore sia clinico che morale, evitando che fosse confusa con un semplice premio economico o con un bonus contrattuale”. Di questo la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) ringrazia il ministro Roberto Speranza, il viceministro Sileri che hanno promosso la norma fin dall’inizio e il Parlamento “per aver compreso il valore che essa ha per una professione che ha dimostrato e dimostra ogni giorno il suo ruolo essenziale accanto ai cittadini e ai pazienti- scrivono in una nota-. Tanto da registrare in assoluto il più elevato numero di contagi sul lavoro e un numero significativo di perdite di vite umane. L’approvazione dell’indennità di specificità infermieristica con lo stanziamento di 335 milioni è un primo passo al quale pero’ deve seguirne a stretto giro un altro, quello dell’ulteriore incremento delle risorse ad essa destinata. Siamo infatti ancora troppo distanti dai 500 milioni di euro annui stanziati, sempre con Legge di Bilancio 2021, per incrementare del 27 per cento l’indennità di esclusiva i dirigenti del settore medico, veterinario e sanitario operanti con rapporto di lavoro esclusivo presso le strutture del Servizio sanitario nazionale. E ancora. Ora la professione infermieristica guarda a un futuro di ulteriore crescita delle competenze, alla realizzazione delle specializzazioni e al contrasto delle carenze di organico, necessarie a fornire ai cittadini un’assistenza sempre migliore e più qualificata”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»