‘Marche sicure’, screening a Porto Sant’Elpidio e Sant’Elpidio a mare

medico
Continua intanto lo screening ad Ancona, fino a martedì 29 dicembre al PalaIndoor. Dal 2 gennaio parte lo screening a San Benedetto del Tronto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Inizia in maniera graduale la Fase 2 dell’Operazione di screening diffuso MARCHE SICURE, voluta dall’amministrazione regionale per il controllo della diffusione e il tracciamento dell’epidemia da Covid-19 e l’individuazione degli asintomatici positivi.

Al via da domani, 28 dicembre, fino al 30, al Fermo Forum, la fase 2 per l’Area Vasta 4. Saranno coinvolti i cittadini di Porto Sant’Elpidio e Sant’Elpidio a Mare, le due città del fermano più popolose dopo il capoluogo, che potranno recarsi liberamente nei punti di screening al Fermo Forum in via Giovanni Agnelli. Sarà necessario portare la tessera sanitaria ed il modulo al seguente link: https://bit.ly/3oUPsSE per le operazioni di accettazione. Effettuato il test in modalità drive, si attenderà in un’area parcheggio per circa 15 minuti, l’esito sarà comunicato telefonicamente. In caso di positività, si effettuerà subito il tampone molecolare. Continua intanto lo screening ad Ancona, al Palaindoor, da domenica 27 dicembre, fino a martedì 29.

Dal 2 gennaio partirà anche lo screening per i cittadini di San Benedetto del Tronto.

Lo screening punta alla massima adesione della popolazione marchigiana al fine di tutelare meglio la salute e prevenire la terza ondata in attesa che la campagna di vaccinazione possa contrastarne la diffusione. Lo screening, che si ricorda essere completamente gratuito e su base volontaria, si effettua attraverso il tampone antigenico rapido in grado di rilevare la presenza del virus e di dare un risultato in circa 15-30 minuti. Il test è sicuro e indolore.  

Lo screening è aperto a tutti i cittadini di età superiore ai 6 anni, rivolto anche alle persone che soggiornano nei comuni individuati per motivi di lavoro o studio. I minori devono essere accompagnati da un genitore. Sono escluse dallo screening le persone che hanno sintomi che indichino un’infezione da Covid-19 e chi è attualmente in malattia per altro motivo; chi è stato positivo al Covid-19 negli ultimi tre mesi, chi è già in quarantena o in isolamento fiduciario, chi ha già prenotato l’esecuzione di un tampone molecolare, chi esegue regolarmente i test per motivi professionali, i minori sotto ai 6 anni e le persone ricoverate nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie comprese le case di riposo pubbliche e private.Per accedere al test occorre esibire la Tessera Sanitaria o un documento d’identità valido. Il modulo di accettazione e il foglio dell’informativa sulla privacy potranno essere compilati a casa (scaricati anche dai siti web) o sul posto e per la notifica del risultato si dovrà comunicare un indirizzo e-mail e un numero di cellulare valido. Se il test rapido antigenico è positivo: si viene invitati al test molecolare in sede o il giorno successivo se non si riesce a garantire nella medesima sede. Se positivo al molecolare: il cittadino viene messo in isolamento e segue la prassi consolidata compresa la verifica dei contatti effettuata dai Dipartimenti di Igiene. Se il test rapido antigenico è negativo: bisogna continuare ad osservare le raccomandazioni di prevenzione: protezione di naso e bocca, distanziamento, disinfezione e ventilazione. Se insorgono sintomi contattare il proprio Medico di Medicina Generale. Essere negativi al momento di un tampone non implica che non si possa diventare positivi dopo poche orepertanto occorre mantenere alta l’attenzione e continuare ad osservare le raccomandazioni di prevenzione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»