Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Laura Croix, il miracolo del Bataclan

La giovane cantante 31enne si è risvegliata dal coma dopo essere stata colpita con 6 proiettili. La sera del 13 novembre anche lei era nel teatro parigino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
laura_croixROMA – E’ un vero e proprio miracolo quello di Laura Croix, giovane cantante 31enne risvegliatasi dal coma dopo la strage del Bataclan. Anche lei, la sera di quel ‘maledetto’ 13 novembre, si trovava nel teatro di Parigi per seguire il concerto degli “Eagles death metal” quando è stata colpita da sei proiettili al petto e all’addome. Uno dei colpi le ha anche sfiorato il cuore.

Ricoverata subito in ospedale dopo l’attentato, Laura è stata sottoposta a ben dieci interventi chirurgici e dopo due settimane passate tra la vita e la morte è arrivato il risveglio dal coma. La giovane ha ripreso a parlare ma secondo i medici, per una sua guarigione completa, dovrà passare almeno un anno.

A dare notizia del suo risveglio è stata la sua band, i ‘The Traps’ su Facebook: “Ciao a tutti, Laura è ancora in terapia intensiva, ma ha iniziato a parlare. È stanca e ha bisogno di molto riposo. Siete stati numerosi a chiederci come aiutarla. Al di là delle spese che sosterrà lo Stato, ci saranno da pagare protesi e trattamenti vari. Quando sapremo come utilizzare i fondi, avvieremo una raccolta sulla pagina del gruppo. Grazie ancora per il vostro sostegno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»