NEWS:

A Caorle le dune salvano i nidi di Fratino dalla mareggiata

Il sistema dunale ha protetto la spiaggia, quest'anno frequentata da 16 coppie del raro volatile

Pubblicato:28-11-2022 14:58
Ultimo aggiornamento:28-11-2022 14:59

FacebookLinkedIn

VENEZIA – ValleVecchia, a Caorle, provincia di Venezia, è la più prolifica colonia per del Veneto per il Fratino, raro volatile che nidifica solo in alcune spiagge europee poco inquinate. La scorsa settimana una mareggiata ha colpito il litorale veneto, che ne è uscito devastato, ma i sopralluoghi di Veneto Agricoltura e del Comune di Caorle hanno permesso di verificare che, fortunatamente, l’habitat del Fratino non è stato distrutto.

LE DUNE HANNO IMPEDITO L’INGRESSO DEL MARE NEL TERRITORIO RETROSTANTE

L’apparato dunale, che ne è uscito in parte eroso, ha infatti impedito l’ingresso del mare nel territorio retrostante. Il che è molto importante, considerando che nella stagione riproduttiva 2022 la spiaggia di ValleVecchia è stata frequentata da almeno 16 coppie di Fratino, dalle quali sono nati 28 pulcini, dei quali almeno 18 hanno raggiunto l’involo.

NEL 2022 È STATA FREQUENTATA DA ALMENO 16 COPPIE DI FRATINO

In generale, secondo le verifiche effettuate dagli esperti di Veneto Agricoltura, sembra che la spiaggia di ValleVecchia abbia subito danni minori rispetto ad altri tratti del litorale veneto, e questo proprio grazie alla presenza delle dune, che producono un discreto dislivello lungo la larghezza dell’arenile.

LE PROTEZIONI REALIZZATE GRAZIE AL PROGETTO EUROPEO LIFE REDUNE HANNO RIDOTTO I DANNI ALLE DUNE

Le protezioni realizzate grazie al progetto europeo Life Redune, seppur non ancora ultimate, hanno poi contenuto i danni al sistema dunale. Nei settori non protetti della spiaggia, infatti, la mareggiata ha intaccato la duna per una larghezza variabile tra i 5 e i 10 metri.

LEGGI ANCHE: Veneto Agricoltura: “Nuovi alberi vadano in città, non nei boschi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn