Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il capoluogo del Tigray è sotto il completo controllo del governo dell’Etiopia

Lo ha annunciato oggi il primo ministro Abiy Ahmed, in contemporanea con un'analoga comunicazione da parte dell'esercito federale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Macallè, il capoluogo del Tigray, è sotto il completo controllo del governo dell’Etiopia: lo ha annunciato oggi il primo ministro Abiy Ahmed, in contemporanea con un’analoga comunicazione da parte dell’esercito federale. “Sono lieto di far sapere che abbiamo completato e terminato le operazioni militari nella regione” ha aggiunto il capo dell’esecutivo. La dichiarazione è stata rilasciata da Abiy con un messaggio su Twitter. Pubblicato più o meno in contemporanea un comunicato dell’esercito, firmato dal generale Berhanu Jula. Nel testo si sostiene che le operazioni militari si sono concluse ma che continuano “interventi di polizia” per “catturare i criminali” del Tplf. Un acronimo, questo, del Fronte di liberazione del popolo tigrino: il partito al potere nella regione, entrato in rotta di collisione con Addis Abeba tra il 2018 e il 2019, dopo l’elezione di Abiy alla guida dell’esecutivo federale. Nella nota si riferisce che l’esercito è “riuscito a liberare migliaia di ufficiali del Comando settentrionale che erano stati tenuti in ostaggio dal Tplf”. Stando a questa ricostruzione, i centri nevralgici della città, compresi l’aeroporto e il palazzo che ospita il governo del Tigray, sono sotto il controllo delle truppe federali. L’esercito ha infine sostenuto che le operazioni si sono svolte “con precisione e cura, facendo in modo che i civili non fossero colpiti“. Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), dal Tigray in poco più di tre settimane di combattimenti sono fuggite oltre il confine con il Sudan circa 43.000 persone.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»