Covid, Monitor Italia: “Sul vaccino aumentano gli ‘attendisti’, in calo chi lo farà subito”

vaccinazione
Lo rivela il sondaggio Monitor Italia, realizzato dall'Istituto Tecnè per l'agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Diminuisce la quota di italiani che si dichiara disponibile a fare il prima possibile il vaccino anti Covid. La maggioranza degli interpellati e’ sempre piu’ propensa ad attendere per capire se il vaccino e’ sicuro. A rivelarlo il sondaggio Monitor Italia, realizzato dall’Istituto Tecne’ per l’agenzia Dire. In una settimana, tra il 20 e il 27 novembre, cala dal 35,2% al 31,3% la percentuale di quanti rispondono che faranno il prima possibile il vaccino, non appena sara’ disponibile. Aumenta dal 33,7% al 40,6% la percentuale di quanti ritengono che sia meglio aspettare per capire se è sicuro. In calo di oltre un punto percentuale dal 24,8% al 23,4% la quota di quelli che si dichiarano contrari a vaccinarsi. In calo anche gli indecisi, che scendono dal 6,3% al 4,7%.


DIMINUISCONO ITALIANI CHE HANNO AVUTO CONTATTI CON POSITIVI

Diminuiscono gli italiani che hanno avuto contatti con persone positive.  Alla domanda se negli ultimi 15 giorni abbia avuto contatti diretti o indiretti con persone positive al Covid, risponde ‘si’, di essere lui stesso positivo’, l’1,6% degli interpellati. Una percentuale in aumento dello 0,3% rispetto a due settimane fa. Il 13 novembre rispondeva di essere positivo l’1,3%. 

Diminuisce la quota di chi ha avuto contatti diretti. La percentuale rilevata il 27 novembre e’ dell’8,6% rispetto al 10,5% del 13 novembre. Piu’ netta la diminuzione per chi ha avuto contatti indiretti: dal 41,9% del 13 novembre al 30,2 del 27 novembre. In forte aumento la percentuale di chi non ha avuto nessun contatto: dal 43,5% del 13 novembre al 57,2% del 27 novembre. Non sa il 2,4% degli interpellati. 


87,8% ITALIANI HA FIDUCIA NEI VACCINI OBBLIGATORI

L’87,8% degli italiani ha fiducia nei vaccini obbligatori. Non ha fiducia l’11,8%. E’ indeciso lo 0,4%. maggiorenne residente in Italia.


FIDUCIA GOVERNO AL 32%, UN ANNO FA ERA 26,3%

Aumenta nell’ultima settimana la fiducia nel governo tra gli italiani. Rispetto a sette giorni fa l’esecutivo guadagna 0,6% anche se è ancora lontano il picco registrato all’inizio della seconda ondata dell’emergenza Covid. Gli italiani che ora hanno fiducia nel Conte 2 sono il 32%, calano (-0,8%) coloro che non hanno fiducia nel governo (62,9% complessivo). Indeciso il 5,1%. Il 32% attuale di gradimento resta inferiore al 37,3% registrato nella prima metà di ottobre, quando il Paese stava iniziando ad affrontare l’inizio della seconda ondata ed è in linea con il 31,8% di metà aprile, in piena emergenza. Il dato però è di molto superiore al gradimento registrato un anno fa, a pandemia ancora lontana: 26,3% nel novembre 2020.


GRADIMENTO DEI LEADER, BALZO DI BERLUSCONI E CONTE

Giuseppe Conte e Giorgia Meloni non conoscono rivali, sono sempre loro due i più apprezzati rappresentanti politici, uno tra i membri del governo (38,2%) e l’altra tra i leader politici (37,3%). Nell’ultima settimana hanno però incassato un alto gradimento anche il ministro della Salute Roberto Speranza tra i rappresentanti dell’esecutivo e Silvio Berlusconi tra i leader. Lo rileva Monitor Italia, il sondaggio realizzato da Tecnè con Agenzia Dire effettuato con interviste telefoniche il 27 novembre 2020 con metodo Cati-Cawi su un campione di mille persone rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, articolato per sesso, età, area geografica. Nell’esecutivo è Conte ad avere il gradimento più alto da parte degli italiani: +0,8 nell’ultima settimana e 38,2% complessivo. Bene anche Speranza, che negli ultimi sette giorni sale (+0,8%) fino al 34,8%. Quindi Gualtieri (+0,3%) al 26,7%, Lamorgese (+0,2) al 26,6% e Di Maio (-0,3) al 18,8. Meloni è stabile al primo posto tra i leader di partito con il 37,3% e stacca l’alleato Matteo Salvini, secondo al 31,3% dopo aver perso 0,2% nell’ultima settimana. Nicola Zingaretti terzo al 24,2% (-0,1%), quindi Silvio Berlusconi al 22,5% col balzo di questa settimana di +0,6% e Carlo Calenda al 19% (-0,2%). Quindi Matteo Renzi (-0,2%) al 14,1% e infine Vito Crimi (+0,1%) al 9,7%.

 


BALZO IN AVANTI DI FI, LEGA IN CALO AL 23%

Nell’ultima settimana la Lega continua a perdere consenso tra gli italiani (-0,2%), il Partito Democratico continua a guadagnarlo (+0,2%). Il balzo maggiore però è compiuto da Forza Italia (+0,3%). 

La Lega rimane pur sempre primo partito con il 23% dei consensi ma vede avvicinarsi sempre più il PD, ora lontano poco più di due punti percentuali, al 20,8%. Terzo partito si conferma Fratelli d’Italia (16,9%), seppure in calo (-0,2%) rispetto a sette giorni fa. Il M5S guadagna nell’ultima settimana +0,2% e si stabilizza al 14,6%. Forza Italia invece torna sopra l’8% (8,2%). Piccoli scostamenti tra gli altri partiti: La Sinistra 3,4%, Azione 3,3%, Italia Viva 3,2%, +Europa 1,9%, Verdi +1,5%.


RIMPASTO PIACE, FAVOREVOLE 57,4% ITALIANI

Piace il rimpasto di governo. Il 57,4% degli italiani ritiene che il governo avrebbe bisogno di cambiare alcuni ministri per rafforzare la sua azione. A rivelarlo il sondaggio realizzato dall’Istituto Tecne’ per l’Agenzia Dire. Non e’ favorevole al rimpasto il 15,4%, mentre non ha un’opinione il 27,2% degli intervistati. E’ invece contraria al rimpasto la maggioranza degli elettori dei partiti di governo. Il 52,8% non approva il cambiamento della squadra di Conte, mentre e’ favorevole il 41,9%. Non ha un’opinione precisa il 5,3% degli elettori. 


77,5% ELETTORI MAGGIORANZA CONTRO COINVOLGIMENTO OPPOSIZIONI SU RECOVERY FUND

Gli elettori dei partiti di maggioranza sono nettamente contrari al coinvolgimento dell’opposizione per pianificare l’utilizzo dei fondi che arriveranno dall’Europa.

Tra i sostenitori dei giallorosa solo il 12,8% ritiene che sia giusto coinvolgere il centrodestra, mentre il 77,5% si dichiara contrario. Il 9,7% non ha un’opinione precisa. 

Diversa la situazione tra tutti gli intervistati, indipendentemente dal partito che votano, dove la maggioranza e’ favorevole, ma con una percentuale del 42,0%, i contrari sono il 32,9% mentre e’ indeciso o non sa rispondere il 25,1%. 

Il sondaggio e’ stato realizzato con interviste effettuate il 27 novembre 2020 con metodo Cati – Cawi su un campione di 1.000 casi, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia. Margine di errore: 3,1%

Totale contatti: 6.221 (100%) – rispondenti: 1.000 (16,1%) – rifiuti/sostituzioni: 5.221 (83,9%). Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»