Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mes, Conte: “Se Salvini è uomo d’onore presenti esposto e rinunci all’immunità: lo querelo”

La risposta del presidente del Consiglio dopo all'accusa di 'alto tradimento' lanciata da Matteo Salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Salvini se e’ un uomo d’onore vada in Procura a fare l’esposto. Voglio chiarire agli italiani che io non ho l’immunita’. Lui ce l’ha e ne ha gia’ approfittato nel caso Diciotti. Vada in Procura a fare l’esposto. Io lo querelerò per calunnia. Almeno questa volta non ne approfitti più”. Lo dice il presidente del consiglio Giuseppe Conte nel corso di un punto stampa al termine della visita in Ghana, replicando alle accuse di Salvini per alto tradimento sul caso del Mes.

LEGGI ANCHE Salvini: “Conte mi querela? È marchese del Grillo, si metta in fila”

DI MAIO A CONTE E GUALTIERI: MIGLIORARE NEGOZIATO DIFENDENDO L’ITALIA

“Non è il fatto che si modifichi il Mes il problema, ma il come. C’è massima fiducia in Conte e Gualtieri, ma è evidente che occorre migliorare il negoziato difendendo gli interessi dell’Italia. Resta solida nostra appartenenza ad Euro ed Europa, malgrado ciò se qualcosa non è accettabile va migliorata. E la riforma del Mes si può migliorare, siamo qui per questo”. Questo in sintesi il messaggio inviato dal capo politico Luigi Di Maio al gruppo parlamentare che ha chiesto il mandato all’assemblea per discutere con il ministro dell’economia e il presidente del consiglio questa posizione. Seguiranno la questione insieme al capo politico Di Maio la sottosegretaria alle politiche dell’Unione europea Laura Agea e i due capigruppo.

LEGGI ANCHE: Mes, Salvini: “Da Conte un attentato contro il popolo italiano”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»