INTERVISTA | Manzato (Lega): “La sfida di Salvini crea occasioni di sviluppo per il Paese”

Il deputato della Lega, Franco Manzato, intervistato dal direttore Nico Perrone nella sede dell'Agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Lega ha raccolto la sfida vinta da Salvini che gli chiedevano gli italiani. Una sfida difficile, ma che ha grandi occasioni di sviluppo del Paese. Le nostre proposte sono legate a shock fiscale, interventi drastici per la prevenzione dell’ambiente, crescita nelle regioni del sud che hanno bisogno di arrivare allo stesso livello di quelle nord, e quelle del nord che hanno possibilità di avere più autonomia per gestire meglio le risorse”. Lo dice il deputato della Lega Franco Manzato, intervistato all’Agenzia Dire.

ROMA, IL NOSTRO CANDIDATO SINDACO SARÀ UN ROMANO CAPACE

“A Roma la Lega pensa di poter esprimere persone capaci, poi Salvini sceglierà come approcciare” in vista delle comunali del 2020

“Nel rispetto delle autonomie sarà un romano capace- assicura Manzato- questo ci dà la responsabilità di scommettere sulla città che rappresenta l’Italia nel mondo”.

REGIONALI, CAMBIO ROTTA, LO CHIEDONO ITALIANI

Un cambio di rotta “in una regione importante come l’Emilia Romagna” non sarebbe “un segnale indifferente per questo governo, politicamente e partiticamente. Sarebbe un segnale importante di cambiamento, non solo quello richiesto dagli italiani ma anche per una ristrutturazione all’interno del PD”.
In questo governo, aggiunge il deputato della Lega “si vede un attaccamento alle poltrone molto forte, anche se non è mia abitudine parlare di questo. Eppure è la realtà. C’è una forte pressione tra i cittadini che indica la necessità di un cambio completo del governo. Oggi la maggioranza degli italiani vuole un cambiamento, non credo ci sia questa volontà da parte di questo governo”, termina Manzato.

MANOVRA, SOLO TASSE COPERTE DA INTERESSE VERSO IL GREEN

Una manovra “piena di tasse che il governo ha coperto e giustificato con l’interesse verso il green. Ma se tassi plastica e zucchero, poi incidi drasticamente sulla capacità delle nostre imprese di essere competitive, e poi non riesci a costruire un piano di tutela di prevenzione ambientale”. 
“Le poche risorse investite sono insufficienti- aggiunge Manzato- e oggi vediamo i disastri che stanno avvenendo ambientalmente a livello italiano e non solo”.

FISCO, OK FLAT TAX, ITALIA PRIMA AL MONDO PER PRELIEVO

“L’Italia nel mondo è il primo Paese in termini di prelievo fiscale. Vuol dire che la scelta fatta nel Conte 1, con flat tax e interventi shock sulla fiscalità, era la strada giusta da percorrere”. Lo dice il deputato della Lega, citando i dati della Paying taxes “uscita da poche ore”.
“Questa manovra invece è acqua e sapone- ribadisce- non c’è niente di interessante tranne la tassazione. Così non si liberano risorse per le imprese e si impedisce a quelle in difficoltà di poter dare ad altri la possibilità di investire sul nostro territorio”, conclude.

AMBIENTE, DA GOVERNO MANCA STRATEGIA DI TUTELA

“Un governo dovrebbe avere il coraggio di costruire una strategia per l’ambiente, a tutela dei nostri territori, molto forte e strategica. Non ipotizzando 3-4 miliardi di investimento- sottolinea- ma una massa finanziaria anche in deficit, che sia in grado di mettere in sicurezza il nostro Paese. Quel che stiamo vedendo in Italia lo rivedremo nei prossimi mesi. Dobbiamo avere visione di tutela ambientale, che dia certezza a imprese e famiglie”, conclude Manzato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»